giovedì 28 Ottobre, 2021 - 18:33:34

Nell’ultima notte di dicembre

Ora danza con me

in me

sulle mie parole

In questo tempo che conta le distanze

pur non misurando le attese

e raccogliendo i ricordi

Dolcemente ascolta la musica degli echi

perché ogni eco ha dettagli

che di te e di me parlano e parleranno

sino a quando noi avremo la forza di riconoscerci

e di non perdere la memoria

sino a quando questa musica avrà la sua linea d’orizzonte

con la voce tua che mi fa da controcanto

tra una pausa inesistente e un silenzio dimenticato

Ed io ti recito sino a quando la tua voce

avrà la forza di cantarmi su ogni parola

perché ogni parola tua ha il rumore leggero delle onde

che lambiscono gli scogli del mio cuore

e le parole sono gusci e petali

nella notte che sfiorano l’anima

come le corde delle stelle

che stanno a guardare i colori

che sfumano le albe e i meriggi

Io ti amerò come sempre fino ad addormentarmi

nel rosso dei tramonti

che hanno i riflessi della tenda sul mare

mentre il faro fa il giro del cerchio

Ti cerco in questa luce

perché la luce ha nei tuoi occhi la vita

e la tua voce è intrecciare

la mia voce nel battito dei nostri sguardi

che diventano marea e infinito

Danzami

Non smettere di danzarmi

Danza in me

ed io ti danzerò sul seno con i miei baci

e tu con la tua bocca sarai vento e sogno

Sogno e vento

Ascolta dolcemente allora

E amami per amarti

io nel tuo amore

e ti amerò fino tu ad amarmi del mio amore

con la passione e il vento

Con il vento dell’ultima notte di dicembre

nel freddo e tra le rose

Tra le rose e il freddo

Tu sei la mia Calipso

Restami dentro

Fino a non uscirne più

Ti resterò dentro

Fino a raccoglie di noi l’eterno e mai le ombre…

Amore mio.

Pierfranco Bruni

Facebook Comments Box

Notizie su Pierfranco Bruni

E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Fragagnano: arrestato pregiudicato di nazionalità marocchina resosi responsabile di rapina aggravata nei confronti della propria convivente

Nel corso della serata del 22 ottobre 2021, i militari della Stazione Carabinieri di Fragagnano …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.