martedì 27 Ottobre, 2020 - 17:32:58

Non fiori ma opere di bene! E domani puntualmente continueranno a chiamarla “Festa”!!

Sarebbe bello se smettessimo di riempire di inutile e ipocrita enfasi una celebrazione che ogni anno di più viene svilita e sporcata dalla violenza e dall’egoismo, frutto di una mentalità che continua a vivere ancora in sottofondo attraverso la mercificazione, la mancanza di rispetto e di considerazione del ruolo femminile in ogni ambito. Eppure la Donna è semplicemente “solo” l’espressione e il lato femminile dell’universo e in quanto tale la paradossale “uguaglianza” che si vuole inutilmente rivendicare non ha ragione di esistere.

Credo che non è solo “colpa” dell’altra metà del cielo se ancora oggi dopo migliaia di anni ci ritroviamo a discutere ed auspicare sempre le stesse cose.

La scuola, la famiglia, i messaggi mediatici che arrivano ai nostri figli hanno una grande responsabilità nella formazione di preconcetti e pregiudizi che condizioneranno i loro rapporti con l’altro sesso.

Dovremmo avere il coraggio e la capacità di parlare di sentimenti ai nostri giovani, parlare d’amore ai nostri figli, dell’armonia della vita e della diversità dei sessi come un sublime artificio della natura per differenziare la bellezza dei ruoli; mostriamoci orgogliose e convinte di quello che facciamo e siamo, parliamo loro di condivisione, di rispetto per l’essere umano e di uguaglianza di diritti e di doveri; soprattutto cerchiamo di educarli alle cose che partono dal cuore e non vergogniamoci di esprimere e dimostrare il nostro amore attraverso carezze, coccole; gesti che a volte imbarazzano e che temiamo possano essere segno di debolezza. Mettere a nudo i propri sentimenti incoraggia al dialogo, a mettere fuori dubbi e paure. E allora viene spontaneo chiedersi qual è il senso della parola “auguri” che sentiremo domani? Cosa si vuole augurare di nuovo e di diverso rispetto agli altri giorni dell’anno?

L’unico augurio che mi sento di auspicare è che quelle povere mimose rimangano sui loro alberi e che non si perpetui la ridicola e inutile ricerca selvaggia del fiore che metta a tacere quei sensi di colpa di quei tanti che il giorno dopo continueranno a fare come sempre finta di nulla.

Anna Marsella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Avetrana, firmato il Patto per la sicurezza urbana

Il Comune partecipa al bando ministeriale per realizzare un impianto di videosorveglianza Prevenzione alle forme …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.