mercoledì 11 Dicembre, 2019 - 23:34:09
Home > Rubriche > Pensieri & Parole > Che palle! Queste palle.

Che palle! Queste palle.

6262360-Pallone-da-calcio-3D-con-bandiera-di-team-Italia-Coppa-del-mondo-di-calcio-2010--Archivio-FotograficoBasta un pallone, un rettangolo verde e un urlo condiviso a squarciagola per rendere tutto lontano e sfocato in una collettiva amnesia che porta il popolo del pallone in una dimensione che li accomuna e li rende protagonisti tutti insieme e contemporaneamente di quell’orgoglio italiano che in poche altre occasioni è così ben manifestato.

Se non fosse per i tanti tricolore che ondeggiano al caldo vento di scirocco, potrebbe sembrare un coprifuoco per quell’aria che tira confusa e inebetita in questo pomeriggio di estate scontrosa!

Il mio disinteresse non è solo di genere è proprio una totale assenza di empatia con tutto quello che è il mondo del calcio “giocato”. Anche con il massimo sforzo da parte mia non riesco a comprendere come eventi del genere possano bloccare e inebetire l’attenzione di tutti verso rituali che di sportivo hanno conservato ben poco.

tv3756946_47792681_300

Si perdona ogni ritardo ogni impegno e attività annullati o rinviati in prospettiva e in funzione di questo appuntamento, quasi un allegro annuncio di allerta meteo . Costretti e tirati dentro questa euforia collettiva confondiamo date e giorni e troviamo le scuse più improbabili per non perderci questo “avvenimento” che lo vuole quest’anno,ironia della sorte ,europeo in un momento che di Europa forse ci sarebbe altro e molto da riflettere e parlare. Tutti a tifare Italia…un ‘Italia diversa da quella che ci vede preoccupati e tristi “italiani”, un’Italia più facile da digerire e gestire, un’Italia che ci regala momenti di esaltazione in un gioco illusorio di appartenenza e condivisione patriottica che molti si fanno bastare.

Sarebbe bello se lo stesso ardore fossimo in grado di spenderlo anche in altre situazioni che invece ci lasciano indifferenti perché sentiamo e vediamo lontane. Questo allinearsi ad un entusiasmo globale porta in sé l’illusione di un “vittoria” che soddisfa e nutre quella piccola parte che vorrebbe ancora condividere un sogno e che sarebbe bello cercarla e pretenderla anche in altri campi della nostra storia di uomini ed esseri sociali. Intanto il gioco si fa emozionante e una palla è riuscita ad entrare nella rete! Il Brexit, le Borse, i disastri ambientali, i disperati che non sappiamo come e dove accogliere, i disoccupati, le centinaia di donne uccise, l’inquietudine e la solitudine e tutti i guai di questo Bel Paese per qualche giorno o forse solo qualche ora ancora riusciranno a passare in secondo piano… io intanto sul divano non trovo posto per sovraffollamento di “maschi” tifosi e ne approfitto come sempre di questa distrazione “di massa “per dissociarmi ancora una volta dalle solite… palle!

Anna Marsella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.