martedì 18 Dicembre, 2018 - 18:10:24
Home > La Voce > Locali > Porto di Campomarino, l’on. Aresta interviene in aula a Montecitorio sul rimpallo delle responsabilità tra pubblico e privato | IL VIDEO

Porto di Campomarino, l’on. Aresta interviene in aula a Montecitorio sul rimpallo delle responsabilità tra pubblico e privato | IL VIDEO

L’onorevole Aresta (M5S) interviene in Parlamento in merito all’annosa vicenda del porto turistico di Campomarino di Maruggio ed il rimpallo di responsabilità tra pubblico e privato.

Sig. Presidente, Onorevoli Colleghi! Da diversi anni il porto turistico di Campomarino nel Comune di Maruggio, in Provincia di Taranto, versa in una grave situazione d’incuria ambientale e deterioramento igienico-sanitario a detrimento di un’area dagli indubbi potenziali economico-turistici.

L’area è gestita dalla Torre Moline Spa, che dovrebbe provvedere alla gestione di servizi pubblici portuali e turistici, alla realizzazione di opere necessarie ed infrastrutture. Malgrado ambiziosi propositi, l’infrastruttura necessita di importanti operazioni di dragaggio, a motivo di uno strato sedimentato di rifiuti misti a posidonia e sabbia che ha limitato il fondale e impedito alle imbarcazioni le ordinarie manovre di spostamento.

Nel 2016 il Comune di Maruggio ha emanato una ordinanza di chiusura dello scalo d’alaggio per preservare la pubblica incolumità, con danni al turismo da diporto e alle attività di pesca, senza poter comunque evitare le emissioni maleodoranti che -ancora oggi- si propagano dall’insenatura del porto rendendo l’aria irrespirabile! L’annosa vicenda è stata oggetto di specifiche interrogazioni al Ministero dell’Ambiente e al Consiglio regionale della Puglia, perché non è chiaro chi debba prendersi carico di queste importanti operazioni di dragaggio. Un rimpallo di responsabilità dunque tra Comune di Maruggio, Regione Puglia e Torre Moline SpA: una “storia senza fine” di degrado ambientale, igienico sanitario… a discapito di residenti, pescherecci, diportisti, bagnanti ed attività̀ commerciali: un quadro di generale confusione!

Una recente sentenza del TAR Lecce, su ricorso presentato dalla Torre Moline, ha statuito come, mentre i costi per la manutenzione ordinaria e straordinaria sono a carico del concessionario, gli oneri per l’attività di dragaggio e raccolta di alghe sono a carico del Comune. E’ necessario che gli Enti interessati adottino -ciascuno nell’ambito delle rispettive competenze- gli interventi utili per rendere fruibile il porto, riconsegnandolo ai cittadini pulito e funzionale. Pubblico e privato si sono rimbalzati a vicenda le responsabilità… alla faccia degli interessi dei cittadini!

Alla luce del decisum, ci si chiede quali azioni Regione, Provincia e Comune abbiano intrapreso o intendono intraprendere nell’ambito delle rispettive competenze per avviare le necessarie opere di dragaggio dei fondali del Porto di Campomarino. Un confuso ricorso all’improvvisazione! Un atteggiamento che, anziché puntare alla soluzione nell’interesse della collettività, ha reso indecifrabile l’intera vicenda, senza tenere conto dei cittadini!

Grazie Presidente.

 

Il video dell’intervento

211 views

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Campomarino-la-spiagggia-camerini-1960 660x330

Breve viaggio sentimentale nella Campomarino degli anni ’60

Vedo l’estate degli anni ’60. L’estate del mio paese è un bicchierone d’orzata, un chinotto, …