domenica 17 Ottobre, 2021 - 12:03:55

Presentati in Fiera del Levante i dati del Registro Tumori in Puglia. A Taranto +30 per cento rispetto alla media nazionale di tumori infantili

20160916_rapporto_tumori3In Puglia ogni anno si ammalano di tumore 11.000 uomini – 6 ogni 1000 abitanti – e 9.000 donne – 4 ogni 1000.
Il dato, in linea con il trend nazionale e in alcuni casi inferiore, è stato diffuso oggi alla presentazione del rapporto del primo registro tumori in Puglia.

Il registro, istituito nel 2008 con apposita delibera regionale, contiene i dati relativi alle sei province pugliesi e analizza in particolare l’incidenza delle patologie tumorali, l’indice di mortalità e la sopravvivenza entro i 5 anni dalla scoperta della malattia.

4 province pugliesi hanno già ottenuto l’accreditamento presso l’AIRTUM, l’Associazione Italiana Registro Tumori: Bari e Foggia sono in dirittura d’arrivo .

“La novità del Registro Tumori in Puglia è che consente di avere un rapporto globale del territorio regionale. Non solo. Per la prima volta è stato inserito l’indice relativo alla sopravvivenza entro 5 anni dalla scoperta della malattia” lo ha dichiarato Giovanni Gorgoni, Direttore del Dipartimento della Salute della Regione Puglia.

“I dati – ha aggiunto-saranno accessibili a tutti sul portale della salute della Regione Puglia”.
Per gli uomini le patologie tumorali più diffuse in Puglia riguardano il tumore ai polmoni e bronchi (18,1%) e per le donne il cancro alla mammella (29,2%).

Il rapporto 2015 è stato illustrato da Lucia Bisceglia, componente del Centro di Coordinamento del Registro Tumori Pugliese: “Il dato relativo alla totalità dei tumori nella nostra Regione è in linea e anche inferiore a quello nazionale.

Si riscontrano però alcune criticità territoriali per alcune tipologie di tumori: quella maggiore è rappresentata, per gli uomini, dal tumore al fegato che nella Bat ha un’incidenza del 33% contro il 20,3% della media nazionale.

L’altro elemento di criticità è legato al cancro ai polmoni che vede un’ incidenza preponderante nelle province di Lecce e nel capoluogo tarantino. Un altro dato, decisamente superiore al trend nazionale , è quello riferito al tumore alla vescica. In questo caso si riscontra un dato preoccupante nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto. Il Registro Tumori consente di analizzare anche l’andamento nel tempo di alcune patologie. Preoccupa la crescita del tumore alla tiroide e del melanoma cutaneo”.

E’ stato inoltre condotto uno studio sulla incidenza dei tumori infantili in tutta la Puglia ed è emerso un eccesso del 30% nell l’area tarantina .

Infine, il dato legato alla sopravvivenza entro i cinque anni dalla scoperta della malattia. I dati regionali sono in linea con la media nazionale e, in alcuni casi, più incoraggianti, come nel caso del cancro alla mammella e dei tumori ematologici.

Lucia Mangone, Presidente Nazionale Airtum, ha posto l’accento sulla implementazione di screening riservati alla popolazione evidenziando un elemento importante: al Nord rispetto al Sud sono maggiori le possibilità di sopravvivenza nonostante la più alta incidenza di patologie tumorali.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

TARANTO – Aggredisce autista della Kyma Trasporti: identificato e denunciato dalla Polizia di Stato

Il personale della Squadra Mobile, nel giro di poche ore, ha identificato e denunciato il …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.