giovedì 15 novembre, 2018 - 20:18:21
Home > Rubriche > Il Punto > Puttana si diventa o si nasce? Con le dovute scuse a chi d’amore e di piacere vive

Puttana si diventa o si nasce? Con le dovute scuse a chi d’amore e di piacere vive

di  Pierfranco Bruni

“Se carazzarti il seno non potrò/giammai nuda avrò un tuo sorriso./Perdermi dovrò/per un rubato bacio/che la luna distillerà/ sulle labbra tue rosse./Verrà un giorno lungo/per darti di solitudine/il mio distacco./Se amore non c’è/lascia/ almeno/ ferirti di piacere”.

Chi si scandalizza non sa vivere e chi non sa vivere si lascia aggredire dalla noia. La noia è il filtro peggiore che condanna gli uomini alla impotenza mentale. Ora cercherò di non scandalizzare i perbenisti ma di aggredire la noia. Cerco di essere sempre lontano dalla noia e di vivere nell’ironia e anche nella allegra brigata dei rompicoglioni ammesso che qualcuno se li sappia custodire bene in questi tempi di recessione.

Ebbene!

La domanda che mi zampilla in questi giorni, e va in avan scoperta come fanno i marinai che non hanno bisogno di bussola ma è da tempo o forse  da ieri e da avantieri che si agita nelle mie albe, è questa: Puttana si nasce o si diventa?

Si nasce o si diventa puttana?

Il termine Puttana (o “Buttana” che suona di un popolar – estetico) è molto generico. Non mi riferisco a chi vende il proprio corpo e neppure al mestiere che fatto con stile potrebbe diventare nobile, ammesso che ci si sia eleganza nella donna – puttana, ma al termine donna di facile costume. Ovvero una donna che non lo fa per mestiere ma che si concede con “facilità”. Forse perché è vanesia, forse perché la sua ricchezza è la frivolezza o forse per altro che scava nella sua psiche…

Si concede con simmetrica facilità? A volte si ha un bisogno erotico (quando eros c’è in una donna che si concede?), a volte si vuole possedere, a volte ci si vuole sentire posseduti. “Se mi sfuggi/io possederti potrò giammai?/Non indugiare tra le mani mie”.

Ma il problema di fondo è un altro. Come individuare un tipo di donna del genere?

Quanti errori abbiamo commesso. Pensando: “bhe, quella me la faccio” e poi ti molla uno schiaffon. E a volte ci si imbatte in una donna tutta chiesa, oratorio e casa e invece scopri l’isola che pensavi non esistesse.

Dopo queste sfilettate da seduttore incallito, puttana si nasce o si diventa? È chiaro a cosa mi riferisco con questo termine. Ho sempre amato le bocche di rosa dichiarate e mi hanno sempre affascinato alla deandriana maniera. Ma le donne che si concedono, ovvero le “signore” che si concedono e non per grandi amori (questo è un aspetto importante) per un bisogno erotico o una serata o due ore eroticizzanti mi turbano e mi annoiano. Ecco, subentra così nuovamente la noia.

Le donne innamorate che costruiscono, in modo infedele, grandi amori pur sapendo di entrare in una irrequietudine terribile ma restano coerenti all’amore – eros mi attraggono. Ne conosco tante. Sono donne sacrificio, donne coraggio. Ne conosco tante. Nella vita e nella letteratura. Sono donne che hanno una loro dignità. Dico questo perché sono innamorato di Claretta. È verò! Lo si capisce dal mio romanzo “Passione e morte” (Pellegrini). Proust, Stendhal, Duras, Segan, Buzzati, Saviane, Berto: scrittori che hanno disegnato i colori delle donne nelle diverse fasccettature. Boccaccio resta un grande conoscitore e maestro. Beatrice fantasma allucinante pur nella nova vita… Laura tremore decadente e donna senza sapore con il canzonar del canzoniere… Fiammetta grandiosa nella sua amorosa visione come da elegia che sa di donna…  Casanova perché non rispondi? Don Giovanni non mi ha mai convinto.

“Ad amar non posso/se amor mi lacera/ma a piacer non tolgo/il piacer tuo”.

Le donne che, invece, giocano su più equilibri o su più tavoli rossi o verdi  vestono una ipocrisia indecorosa (ma l’ipocrisia è mai stata decorosa?),  portano nel sorriso non solo una ipocrisia latente ma hanno il segno di una scialbatezza miserevole. Con questo non voglio mica dire che le donne non siano libere di farsi addomesticare o di addomesticare come meglio credono. Fatti loro. Libere di darsi come felicità loro chiama. Prima o poi moriranno di noia e di sesso in solitudine. Oh Saffo…

Se dovessi fare una scelta, di notte o di giorno, tra una puttana di mestiere e una “puttana” che si concede senza commerciabilità non avrei dubbi. Meglio una puttana commerciabile e seria che una di quello che pensano di prenderti per i fondelli. Pensano, ma ci sono uomini vissuto (o vissuti abbastanza) e tutto ciò che vivono e fanno è come se lo avessero già attraversato. L’antico duello tra Casanova e Don Giovanni?

Attenzione. Questa volta però  non rientra tutto ciò nel mio diario personale. Ci sono ben altre cose dove la bellezza domina ed io amo la bellezza dell’eros e delle parole.

“Ad amar non tolgo labbra tue rosse/che scivolan lentamente tra le mie foglie/Se di piacer tu conosci l’urlo/turbami fino ad urlar nel desiderio”.

Una volta uno sciamano del Perù mi disse: “Quando ti trovi accanto ad una donna non chiedere mai quanti amori ha vissuto. Non ti dirà mai la verità. Quando ti trovi di fronte ad una donna non tentare mai di baciarla sulle labbra. Guardala negli occhi. Sono gli occhi che devono incontrarsi in un primo amplesso. Capirai subito dalla energia che avverti se la donna con la quale vorresti avere un rapporto o una storia è una donna in grado di offrirti un vero amore. Trascura le avventure. Vivi la storia di un amore. Ma vivila insieme in un percorso che dovrà essere unico e profondo. Al primo dubbio non aver timore di soffrire. Al primo sguardo che è non per te non aver paura di perderti. Allontanati subito. Perditi pure. Ti ritroverai per restare solo e libero. Poi ci saranno altri amori. Non restare mai con una donna che ha cambiato i suoi occhi, il suo sorriso, la sua mano. Allontanati. Soffri se non sei capace di ridere e di volare come le aquile e viviti. Ma io ti invito ad essere un’aquila anche in amore perché tu sei un’aquila e come le aquile sanno che il volo rende il loro viaggio nobile e autentico”.

E ora perché ho voluto riportare questo messaggio? Perché a volte è necessario lanciare segnali nel vento e parole tra foglie di alloro e di gelsomino. E la risposta?

Puttana di mestiere si diventa. Puttana di modi e di facile “fatture” si nasce!

Contenti. Mi sbaglierò. Sicuramente. Ma meglio sbagliarsi e errare che essere presi per il culo da una puttana senza mestiere. Il vero seduttore non si lascia ammaliare da un sorriso evanescente. Non smetto di amare Claretta e ora ho ritrovato la mia Fiammetta. Che fortuna!

“Oh tu/che sai scivolar/tra le mie membra/mai pudor è dovuto/se sulla tua bocca/sorseggi il miele delle stelle/ Fiammetta/di ‘amorosa visione’/è il tuo profilo/e la tua pelle è ambra/sei donna che porti il sognar nel tuo nome”.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La scomparsa di un Grande Amico, buon viaggio Giro Melis

Ho appreso poco fa’ della scomparsa improvvisa di una persona a me cara, Girolamo Melis, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.