venerdì 18 Giugno, 2021 - 19:50:16

Reggio Emilia, non si presenta alle nozze, lei lo cerca in un centro commerciale e lo picchia

Reggio Emilia, non si presenta alle nozze, lei lo cerca in un centro commerciale e lo picchia

Il fidanzato sparisce il giorno delle firme. La donna lo picchia davanti a tutti

“Se scappi, ti sposo? No, ti picchio…”. Altro che lieto fine come nel celebre film con Richard Gere e Julia Roberts. A Reggio è finita senza matrimonio e con botte da orbi a colui che sarebbe dovuto diventare sposo. Roba da film, ma è successo per davvero. Protagonisti della storia la 38enne siciliana Anna e il 30enne Riccardo (lo chiameremo così, in linea con la commedia americana). “Doveva sposarmi, ma non si è presentato in Comune per la firma delle pratiche – racconta lei –. Ed è la seconda promessa di matrimonio infranta in sei anni che stiamo insieme. Non ci ho più visto e l’ho riempito di botte davanti a tutti”. Teatro della scena andata in onda sabato pomeriggio, il centro commerciale I Petali.

“Quattro anni fa – continua la donna originaria del Sud, ma residente a Reggio – si era presentato con tanto di anello. Poi dopo due mesi ci ha ripensato. Avevo annullato tutte le prenotazioni, dal ristorante alla chiesa. Alla fine lo avevo perdonato. E poco tempo fa si era nuovamente fatto avanti. Stavolta sembrava tutto certo, fino a quando non è arrivato in Municipio per le firme del caso. Avevamo fissato la data delle nozze al 24 febbraio, avevamo già comprato gli abiti, le bomboniere e prenotato il ristorante. Mi sono messa a piangere. L’ennesima mazzata dopo tante che ho avuto nella vita, tra problemi di salute e familiari. Ho un carattere vulcanico e così ho deciso di affrontarlo”.

Anna chiede un appuntamento al suo ormai ex. “Ci vediamo ai Petali – spiega –. Sono andata agguerrita, vestita tutta in nero, da Catwoman. E lui si è nascosto dietro una donna addetta alla sicurezza del centro commerciale. Gli ho urlato di darmi chiavi e soldi per pagare tutto ciò che avevo anticipato io per le nozze. Poi l’ho preso per il cappuccio e gli ho dato pugni e calci fino a farlo scappare. E gli è andata bene, perché se succedeva al Sud, me lo tenevano fermo. Qui a Reggio invece al massimo si sono complimentati e tanti mi hanno detto che dovevo dargliene di più… “.
La donna cerca di sdrammatizzare, ma è una ferita profonda. “Se ci penso seriamente piango per ore, ma che devo fare? Bisogna andare avanti. Anzi, se qualcuno per caso ha scattato foto o girato dei video mentre ‘lo meno’ me li invii per favore così li tengo per ricordo…”.

http://www.ilrestodelcarlino.it

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Pierfranco Bruni è nient'altro che la verità con il suo Sciascia tra ragione e profezia

Pierfranco Bruni è nient’altro che la verità con il suo Sciascia tra ragione e profezia

La Ragione e il pensiero della storia. Questo è il filo conduttore di ciò che …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.