martedì 28 Novembre, 2023 - 21:14:49

Responsabilità dell’Occidente. Smettiamola di non considerarci in una guerra di civiltà e di religione

IMG_5387488672821Non siamo ancora alla fase dell’epilogo. Non siamo ancora alla misura della ragione politica in cui le civiltà toccano il culmine della piramide e si autodistruggono proprio per mancanza di consapevolezza storica. È da anni che sosteniamo che si vive in una nuova guerra di civiltà. Eppure dal 2001 si fa finta che non sia così. La rabbia e l’orgoglio della Fallaci sono uno scavo che insiste in quella dimensione geopolitica che pone il confronto tra Europa e Occidente in uno scontro tra Occidente ed Oriente. Distinzioni di fondo.
L’Occidente è il risultato tra il mondo latino e quello greco, ovvero tra una profonda ortodossia greco bizantina e una identità cattolica romana. In fondo tutto il bene e tutto il male dell’Occidente è una griglia simbolica di processi religiosi legati però ad un sistema economico basato su realtà di capitale in sviluppo.
L’Oriente partendo, ma non tutto l’Oriente – attenzione a non omologare -, da una idea di guerra di religione sulla base di Allah si sente Universo, occupa la scena su un immaginario appunto religioso, ma l’obiettivo è ben altro, ovvero di rendersi forza capitalista in competizione con i grandi mercati mondiali. Si servono di una visione di guerra religiosa per portare la guerra a uno stadio di azzeramento della civiltà occidentale. Perché l’Occidente è cristianità ma anche dominazione
dei mercati e delle economie.
Elementi sui quali si basa la rappresentazione della vita occidentale. Questo è un dibattito ormai antico che è diventato il crudele orizzonte di una immane tragedia.
Se gli assassini vengono dall’Oriente e da una formazione islamica a tutto tondo l’Occidente è un mondo sprovveduto che non ha posto i rigorosi rimedi contro un mondo musulmano che non va assolutamente giustificato.
Se la tragedia di queste ore è accaduta con un tale cinismo e una tale gravità di perdite umane non bisogna scansare le responsabilità che hanno i governi occidentali nell’aver concesso giustificazioni agli Orienti che hanno invaso i nostri territori.
La politica della debolezza sta nella incapacità di leggere i fenomeni certamente terroristici, ma anche culturali.
Insomma non siamo riusciti a porre rimedio alla questione del Mediterraneo aprendo sempre più le frontiere, non siamo riusciti a comprendere che il mondo islamico è anche terrorismo ideologico e ci siamo soffermati soltanto sulla scheggia dell’Isis, abbiamo condannato le analisi di Magda Allam Cristiano, ci siamo scagliati a furore selvaggio contro Benedetto XVI, abbiamo dimenticato le testimonianze di Oriana Fallaci, abbiamo e continuiamo a considerare le invasioni di immigrati come accoglienza e non respingere alcun barcone, abbiamo tollerato che Maometto imponesse la caduta dei crocifissi dalle nostre scuole, abbiamo dato sostegno economico ad ogni immigrato, permettiamo di costruire con facilità moschee nelle nostre città facendo innalzare mezze lune accanto alle nostre croci.
Il tutto in nome di cosa? Noi siamo occidentali e la nostra cultura è greco romana. Le contaminazioni sono altra cosa. La nostra cultura non è soltanto una eredità. Resta identità cristianità appartenenza.
20854La nostra civiltà non nasce dalla Rivoluzione francese. Lo si capisca bene. La nostra civiltà è basata sui solchi della cristianità. Non siamo stati capaci in Europa di difendere la cristianità, la nostra vera comunità di esistenza, e abbiamo dato spazio ad una tolleranza in nome di una democrazia anche guacobinista. Non è una contraddizione la mia. È una constatazione.

Io non amo la democrazia. Amo il rispetto.
Nelle nostre città dobbiamo imporre le nostre tradizioni senza farci condizionare.
Smettiamola con il cretinismo e le ignoranze. Difendiamo la nostra storia. Ora è tempo di essere coraggiosi e riprendere il discorso di Benedetto XVI.
Partiamo ponendo frontiere sicure al Mediterraneo. Convinciamoci che siamo in guerra. Una guerra di civiltà e di storie. Convinciamoci che non esistono identità condivise. Poniamo un baluardo tra Occidente ed Oriente, ovvero tra gli Occidente e gli Orienti.

Facebook Comments Box

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Mortale incidente sulla Statale 100 a Mottola: 4 morti e 2 feriti gravi, 3 militari dell’Esercito tra le vittime

L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio, precisamente all’altezza della galleria, aggiungendo un elemento di tragica …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.