sabato 18 agosto, 2018 - 11:16:07
Home > Primo Piano > Sabato 17 febbraio 2018: Fischio d’inizio per la “Quarta Categoria” Puglia, i ragazzi di Maruggio ospitati dall’ AS Bisceglie

Sabato 17 febbraio 2018: Fischio d’inizio per la “Quarta Categoria” Puglia, i ragazzi di Maruggio ospitati dall’ AS Bisceglie

Inizia sabato 17 febbraio l’avventura della squadra “For Special” del Maruggio social Sport adottata dal  Bisceglie Calcio .
Come ci spiega il presidente del Maruggio social Sport  Vincenzo Di Manzo “l’avventura è iniziata a settembre con un  gruppo di ragazzi che si sono allenati per settimane e settimane con grande voglia di giocare a calcio. Poi a gennaio il Test Mach a Bari con le sei società della Puglia. Il campionato durerà sino a giugno, per poi proseguire, come da nostri programmi, ad organizzare un campus estivo dove saranno invitati altre squadre di altre regioni d’Italia.

A settembre avevano iniziato le attività tecniche sul campo insieme ai tecnici preposti e che ora avranno la possibilità di confrontarsi con altre squadre e con altri ragazzi, nell´unico comune denominatore di vivere delle giornate di sport e spensieratezza.

Ringrazio il Dott. Salamino  dirigente dell’ambito territoriale 7 – conclude Vincenzo Di Manzo – che ci ha patrocinato, l’Assessore ai Servizi Sociali di Maruggio Stefania Moccia,, il Sindaco di Maruggio Alfredo Longo e il presidente del Bisceglie Nicola Canonico.

QUARTA CATEGORIA – #IO VOGLIO GIOCARE A CALCIO è il primo torneo FEDERCALCIO in collaborazione con il CENTRO SPORTIVO ITALIANO rivolto ad atleti con disabilità intellettive, relazionali e psichiche, retto da un protocollo di intesa sottoscritto presso il Senato della Repubblica Italiana il 18 Gennaio 2017 ed è un progetto che vede l’esordio assoluto della Federcalcio nell’ambito delle disabilità.

La convenzione, che costituisce l’ossatura portante del progetto, prevede il tesseramento degli atleti presso il CSI sotto il profilo assicurativo e l’iscrizione presso un albo speciale dei Comitati Regionali della LND-FIGC di competenza, l’utilizzo di campi omologati LND, la presenza di arbitri AIA, sotto l’egida della giustizia federale per portare il torneo ai livelli della terza categoria normodotati LND.

Nello specifico QUARTA CATEGORIA è un torneo di calcio a 7 che si svolge da Ottobre a Maggio ed è strutturato in rose distinte di giocatori, che dal nome riconduce ad un ulteriore livello del settore dilettantistico specificamente riservato ad atleti speciali, il tutto gestito e coordinato nei minimi dettagli dai vari Comitati Regionali e CSI Regionali. L’obiettivo è di promuovere lo sviluppo di 7 regioni in due anni (2018-2019) che avrà come momento susseguente la COPPA ITALIA per i Club vincenti dei tornei regionali, esattamente da modello del calcio italiano.

All’interno dei singoli tornei regionali di QUARTA CATEGORIA sono strutturati tre livelli diversi di gioco (quarta-quinta-sesta categoria) per permettere agli atleti di confrontarsi in un contesto di equilibrio delle prestazioni cognitive e fisiche; alla fine di ogni stagione i Play Out e i Play Off (sul modello serie A, B e PRO) permetteranno di creare maggiore equilibrio, nonché sana competizione all’insegna di criteri di merito ed efficacia dell’intero Club.

#IO VOGLIO GIOCARE A CALCIO è il nome dato al progetto, a sottolineare la richiesta accorata di poter far parte del mondo del calcio vero da parte di persone che hanno una diagnosi clinica e che desiderano rompere il pregiudizio per cui la propria persona viene schiacciata a livello di identità sulla malattia, che ne preclude concrete opportunità di inserimento sociale e di valorizzazione.

Il progetto si è diffuso quest’anno in altre regioni d’Italia e al momento la finalità ultima è di coinvolgere l’intera Italia!

QUARTA CATEGORIA abbraccerà il settore disabilità ed il settore salute mentale in due distinti campionati (la persona con problemi psichiatrici ha prestazioni fisiche elevate e non può giocare con persone con autismo).

L’obiettivo del progetto QUARTA CATEGORIA è l’inserimento e lo sviluppo della disabilità nel sistema del calcio per realizzare integrazione e miglioramento della qualità di vita dei nostri ragazzi, diffondendo un messaggio di responsabilizzazione sociale e al contempo di speranza a coloro che credono che sognare non sia più possibile. Il progetto si impianta, infatti, anche sul contributo di volontari che investano risorse di tempo e personali a servizio della causa, in un contesto di buone pratiche sociali che porti ad arricchimento etico e morale all’insegna del sacrificio, dell’umiltà e del rispetto dell’altro.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

25 Agosto ritorna “Attacco a Maruggio”

Torna a rivivere una delle pagine più importanti della sua storia, il piccolo borgo di …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La Voce di Maruggio è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache