mercoledì 27 Gennaio, 2021 - 7:42:49

San Biagio, medico della gola e Santo Patrono di Avetrana

La cittadina di Avetrana si veste a festa per onorare e festeggiare il suo Santo Patrono, San Biagio, dal 28 aprile al 1 maggio.
Tra le vie del piccolo centro storico di Avetrana denominato “caseddi” tra gli anziani si racconta dei tanti miracoli del santo, tra cui il salvataggio di un bambino che stava soffocando per aver ingerito una lisca di pesce.

Un tempo non c’era casa ad Avetrana che non custodisse una immagine di San Biagio in onore del quale ardeva una lampada ad olio che sembrava avesse poteri miracolosi.
Quando qualcuno della famiglia aveva a che fare con tosse, laringiti e faringiti, la donna più anziana intingeva le dita in quell’olio ed ungeva la gola del malato per farlo guarire, invocando San Biagio, medico della gola.

Nel giorno della festa del santo, ha luogo la benedizione della gola in chiesa, in concomitanza con la festa anticamente si accendevano dei falò nelle strade del paese, da qui deriva anche il nome dialettale di “San Biaggiu ti lu fuecu“.

Festa organizzata in maniera sapiente dal comitato per la festa patronale che già diversi mesi prima si prodiga in modo certosino per l’organizzazione.
I festeggiamenti, in programma dal 28 aprile al 1 maggio, prevedono non solo celebrazioni religiose ed eventi culturali, volti a raccontare la storia del Santo, ma anche momenti musicali e angoli gastronomici. Il tutto sarà impreziosito dalle luminarie, allestite dalla ditta Marianolight del Maestro Lucio Mariano, pronte a dare luce e colori alle vie del centro storico.

Ad aprire le danze, sabato 28 aprile, sarà l’esibizione della Banda di Conversano e di Rutigliano, mentre domenica 29 andrà in scena la Banda di Conversano e Bracigliano. Nella stessa serata è previsto inoltre il meraviglioso spettacolo pirotecnico a cura della ditta Bruscella Fireworks italian Group da Modugno. I festeggiamenti proseguiranno il 30 aprile con la musica leggera e i brani di artisti italiani, con il concerto-spettacolo di Antonio Furioso, mentre martedì 1° maggio si ballerà a suon di pizzica, tanto da far vibrare la terra e inebriare la città con il profumo tipico del Salento con i balli e gli spettacoli de Gli Allabua

Salvatore Cosma

(Photo credit Bruno Leo)

 

Commenta con Facebook

Notizie su Salvatore Cosma

Salvatore Cosma
Laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Lecce, originario di Avetrana, paese in cui sin da piccolo ha maturato la passione per la musica, in particolare lo studio del pianoforte, strumento che ha studiato diversi anni, parallelamente ha coltivato la passione per la lettura e la scrittura. Attualmente vive e lavora a Reggio Emilia conservando un forte legame con Avetrana, dove torna ogni volta che gli impegni di lavoro glielo consentono. Lavora in ambito sindacale. Si occupa principalmente della rappresentanza politica e sindacale/vertenziale dei lavoratori del settore edile nella provincia di Reggio Emilia. Appassionato di storia, cultura e tradizioni salentine.

Leggi anche

Nasce a Manduria la sede locale Codacons, a guidarla sarà l’Avv. Casto

  Apre a Manduria la sede locale Codacons (Associazione di Consumatori per la tutela dell’ambiente …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.