sabato 03 Dicembre, 2022 - 22:34:24

Scrittori non si nasce, si diventa!

Scrittori non si nasce, si diventa!

Nota breve (senza polemica alcuna) indirizzata a taluni nostrani (per fortuna pochi) commentatori da strapazzo, denigratori delle altrui conoscenze e virtù.

Cari opinionisti, non vi affaticate quando giudicate dall’apparenza, senza conoscere le altrui virtù. Ecco cosa facevano alcuni grandi scrittori prima di diventare famosi: barista, bigliettaio, lavapiatti. Hanno scritto libri bellissimi che ci hanno fatto sognare e viaggiare nel tempo. Ma questi grandi nomi della letteratura sono nati scrittori? Assolutamente no. Scrittori non si nasce, si diventa. Grandi o piccoli che siano, noti o poco noti, vanno comunque rispettati e “giudicati” per quello che scrivono e non per i mestieri che fanno (anche loro devono guadagnarsi il pane!).

Alcuni di loro sono entrati nella storia, non per il lavoro che facevano: Agatha Christie, inserviente ospedaliera; Charles Dickens, operaio in una fabbrica che produceva etichette per scatole che contenevano lucido da scarpe; James Joyce, operaio del cinema (macchinista); Franz Kafka, impiegato non retribuito; Jack Kerouac, lavapiatti, raccoglitore di cotone e benzinaio; Harper Lee, bigliettaio; Herman Melville, mozzo su una nave mercantile; Émile Zola, fattorino. I miei preferiti: Umberto Saba e Eugenio Montale, impiegati.

Detto questo, cari denigratori, lasciate che fioriscano anche nel nostro paese le menti belle e le anime nobili, al di là dei loro rispettivi mestieri, distinti o umili che siano. Quando incontrate un impiegato, un operaio o una lavapiatti che sa scrivere e descrivere la Bellezza dell’Anima, inchinatevi. E’ il minimo che possiate fare. E per scusarvi… “sforzatevi” per acquistare un loro libro e donatelo alla persona che amate. Perché regalare un libro è più di un gesto d’affetto. Con un libro regalate qualcosa di voi e di noi, un pezzo della vostra anima e dell’anima dell’autore che conoscerete. Un piccolo gesto fa un lettore grande.

Tonino Filomena

Facebook Comments Box

Notizie su Tonino Filomena

Tonino Filomena, scrittore e storico documentarista. Attratto dallo studio della Storia e dalle vicende umane ad essa collegate, in particolare del Novecento, dopo essere stato allievo di Tommaso Pedio e Indro Montanelli, conseguendo giovanissimo la laurea in Scienze Politiche, ha iniziato a occuparsi di storia patria documentando e illustrando la vita della sua città natale (Maruggio). È membro della Società di Storia Patria per la Puglia, presidente regionale del Sindacato Libero Scrittori Italiani, Testimonial Albo d’Oro del Comitato Scientifico No Lombroso di Torino; già Socio ordinario dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e Segretario Nazionale dell'Istituto Nazionale Minoranze Etnico-Linguistiche in Italia presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ autore di numerosi saggi, tra cui: Maruggesi nel primo Novecento. Il relitto della Madonnina. Guida a Maruggio, dentro e oltre la storia. Attacco a Maruggio. Paese nostro povero ma bello. Gli occhi della memoria. Nel ventre della Balena Bianca. Così parlò Bilbo. Il soldato contadino e l'ultima sua opera L'infanzia perduta, edita da La Voce di Maruggio.

Leggi anche

Vigilia dell' Immacolata nel centro storico di Maruggio

Vigilia dell’ Immacolata nel centro storico di Maruggio

La A.T. Pro Loco Maruggio organizza per la vigilia dell’Immacolata una serata all’insegna di stand …