venerdì 19 Luglio, 2019 - 9:59:01
Home > Attualità > Secondo posto alle Olimpiadi del Patrimonio 2019 per gli studenti del Liceo De Sanctis Galilei.

Secondo posto alle Olimpiadi del Patrimonio 2019 per gli studenti del Liceo De Sanctis Galilei.

 

L’arte è il riflesso del mondo interiore degli uomini. Con questo spirito, gli studenti del liceo De Sanctis-Galilei di Manduria anche quest’anno – a.s. 2018/2019 – hanno aderito alla XIV edizione delle “Olimpiadi del Patrimonio”, competizione di eccellenza riconosciuta dal Miur e organizzata da Anisa in collaborazione con il Mibac (Direzione Educazione e Ricerca).

Il tema proposto quest’anno ha interessato i “Castelli d’Italia” con una prospettiva che vuole riaffermare l’attenzione al rapporto tra patrimonio e paesaggio come uno dei temi-cardine della nostro impegno educativo. I Castelli sono presenti in tutte le regioni del Bel Paese: si tratta di edifici costruiti per la difesa, per la caccia, per la vita di corte; sono luoghi che nei secoli hanno mutato spesso destinazione, ma sono ancora ricchi di testimonianze storiche e artistiche capaci di stimolare l’interesse e accendere la fantasia degli studenti, come il rinomato Castel del Monte in Puglia.

Sensibilizzare i giovani verso il proprio patrimonio culturale, artistico e paesaggistico per costruire una cittadinanza piena e consapevole

MANDURIA – Gli esiti della partecipazione nella competizione regionale, tenutasi presso la Biblioteca Nazionale Sagarriga Visconti Volpi di Bari il 12 marzo 2019, sono stati lusinghieri per gli studenti del liceo De Sanctis Galilei: una delle squadre del liceo manduriano, composta dagli allievi Desiree Mele, Angelo Intermite e Virginia Zappimbulso, allievi frequentati l’indirizzo classico, si è aggiudicata il secondo posto in classifica, sfidando nel confronto regionale diverse squadre di diversi indirizzi liceali.

All’orgoglio di tutta la comunità scolastica per il risultato conseguito, si unisce l’elogio del dirigente scolastico del Liceo, professoressa Maria Maddalena Di Maglie, che riconosce nelle attività di tutela e valorizzazione del patrimonio un’innegabile fonte di conoscenza, uno strumento di valorizzazione delle diversità culturali e di promozione del dialogo interculturale, finalizzato alla costruzione di una cittadinanza piena e consapevole.

Adriana Amato e Desiree Mele

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Monti Sibillini Marche: “Sei ferita?” la volpe e l’automobilista, la chiacchierata che fa il giro del web

A tu per tu con una volpe. Il video è stato girato sulla via che …