giovedì 29 Ottobre, 2020 - 2:24:54

Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche e Bernardi nel primo “laboratorio cioccolato”

Si è concluso il primo “laboratorio cioccolato” promosso, a Grottaglie, da Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche.

GROTTAGLIE – In una serata, i partecipanti hanno potuto assistere da vicino alle fasi di lavorazione che, dalla fava di cacao, conducono alla realizzazione del cioccolato, nelle sue diverse forme. E’ stato un momento di formazione e conoscenza del prodotto e della filiera di produzione, che ha coinvolto i corsisti e gli appassionati di gastronomia e pasticceria.

Dichiara il fiduciario di Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche Franco Peluso: “In questo laboratorio abbiamo voluto parlare sia dell’affascinate storia del cioccolato e delle diverse tipologie di cacao utilizzato per fare i cioccolatini che delle sue diverse fasi e tecniche di lavorazione. Sotto la guida esperta di Mimmo Bernardi e la maestria di Angelo e Francesca abbiamo partecipato a questa esperienza che ci ha lasciato un’incredibile ricchezza sia culturale che sensoriale. Non dimentichiamo che la pianta del cacao ha origini antichissime e, secondo precise ricerche botaniche, si presume che fosse presente più di seimila anni fa nel Rio delle Amazzoni. I primi agricoltori che cominciarono la coltivazione della pianta del cacao furono i Maya. solo intorno all’anno 1.000 a.C.. Durante il percorso del nostro laboratorio, abbiamo potuto assistere alle fasi di lavorazione che partendo dalla miscelazione ed il concaggio, arrivano sino al temperaggio, modellaggio e confezionamento finale. Oggi il cioccolato è parte integrante delle nostre abitudini ma saperne di più sulle origini è un viaggio da non perdere e che noi della Condotta Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche abbiamo voluto realizzare sul nostro territorio, grazie alla collaborazione di una importante eccellenza imprenditoriale come Bernardi srl, che vanta una storia ultraventennale ed una presenza sull’intero territorio nazionale. Tra le produzioni che più ci affascinano troviamo i cioccolatini prodotti con il fico mandorlato (Presidio Slow Food) e la collezione “Maioliche” realizzata con mattonelle decorate a mano dai ceramisti grottagliesi. Visto il successo del laboratorio, contiamo di poterlo ripeterlo dopo il periodo natalizio“.

Il laboratorio è stato curato da Claudia Costone, membro del direttivo Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche.

Abbiamo effettuato un percorso di approfondimento e conoscenza delle materie prime del cioccolato, fino alla lavorazione delle praline e dei cioccolatini – dichiara Mimmo Bernardi, dell’azienda Bernardi -; è stata una serata molto positiva, di confronto e formazione, che ha dato la possibilità di verificare quanto interesse ci sia intorno al mondo del cioccolato. Slow Food Grottaglie ci ha permesso di avere maggiore conoscenza del territorio e dei prodotti a marchio Slow Food. Per esempio, abbiamo iniziato una collaborazione con un’azienda di fichi presidio Slow Food, che è stata una delle prime referenze utilizzate in questa nuova produzione. L’intento è avere maggiori rapporti con i prodotti di nicchia e il territorio. Inoltre, abbiamo inserito una linea di maioliche realizzate da un’azienda artigiana di Grottaglie. E’ stato l’inizio di un percorso. Ogni anno inseriremo un artista nuovo, con pezzi specifici da abbinare al cioccolato; questo aiuterà a promuovere sia l’artista che il territorio“.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Furti di energia elettrica e gas nel mirino della Polizia di Stato. A Manduria 35 appartamenti con allacci abusivi

Scoperti nel capoluogo ed in provincia , numerosi allacci abusivi sulle forniture domestiche. Denunce per …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.