domenica 26 Settembre, 2021 - 0:41:06

Solfanelli editore pubblica con Pierfranco Bruni un testo di forte spessore filosofico

Un viaggio tra antropologia e filosofia nella storia delle civiltà. È questo il cuore delle oltre duecentocinquanta pagine che Pierfranco Bruni pone come teatro in uno scenario in cui la dialettica è punto di riferimento nel suo “Il sottosuolo dei demoni. Filosofia e dissolvenza” edito in in una elegante veste per l’editore Solfanelli.

Una cosmologia dei linguaggi fanno di questo percorso filosofico una vera e propria estetica delle conoscenze ponendo all’attenzione metafore e ossimori che sono cerchio non più empirico ma profondamente metafisico.

Bruni è un viaggio. Un viaggio fedele tra gli scrittori che lo hanno sempre accompagnato tra gli sbalzi, come egli stesso sottolinea, delle ombre. Un ulissismo che è un viaggio a volte mistico alla ricerca della conoscenza. La piazza del suo pensiero è un’idea complessa che parte da molto lontano. Appunto il tema della piazza è la voce del suo mosaico tra il patire e la mescolanza tra essere e identità. Appunto una antropologia che ha bisogno della filosofia ed entrambe sono nella letteratura.

Un lavoro molto articolato che va considerato come il Bruni pensiero. Infatti il sottosuolo è vivere di solitudine non restando mai soli. I demoni sono il superamento religioso di teologico modello affabulatorio. Tutto diventa dissolvenza.

Nietzsche e Dostoevskij sono i porti sicuri. Ma in questi due riferimenti si innervano una gikosofa come Maria Zambrano e uno scrittore e poeta come Cesare Pavese. Ciò che resta è l’incontro tra il mito come immagine e immaginario e il pensiero che tocca la contemplazione.

Un libro questo di Pierfranco Bruni che è un viaggio. Non solo il suo ma di una intera civiltà dentro la quale la tradizione dell’incontro tra Occidente e Oriente diventa cultura dell’appartenenza. C’è da dire che Solfanelli editore pubblica con Pierfranco Bruni un testo di forte spessore filosofico.

Stefania Romito

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Maruggio – Selezione per il per conferimento di incarichi di rilevatore per il Censimento Permanente della Popolazione (ISTAT) 2021

È indetta pubblica una selezione per la predisposizione di una graduatoria da cui attingere collaboratori …