lunedì 21 Ottobre, 2019 - 2:50:20
Home > Rubriche > A Tavola con La Voce > Spaghetti alla San Giuannin

Spaghetti alla San Giuannin

 

Gli Spaghetti alla San Giuannin, o San Giuannid (o San Giovannino) in base alle zone e ai dialetti, sono un primo piatto della cucina popolare pugliese. Il nome deriva dall’usanza di consumarlo alla vigilia di San Giovanni, il 23 giugno, occasione in cui si organizzano feste nelle piazze di diversi comuni nella provincia di Bari. La festa celebra l’arrivo dell’estate e serve a propiziare raccolti fecondi.  Ma per la sua bontà ormai è un piatto amato e preparato tutto l’anno

Questa possiamo definirla la ricetta “dell’ultimo minuto”, da fare quando si ha poco tempo e soprattutto il frigo semivuoto: servono davvero pochi ingredienti per improvvisare un piatto semplice, veloce e gustoso, dove la differenza la fa la genuinità dei prodotti pugliesi, quei pochi, poveri e fondamentali che si ha la certezza di trovare in tutte le case del sud.

Sono i famosi “spaghetti di mezzanotte” che soddisfano quel languorino che giunge quando si fanno le “ore piccole” a casa con parenti o amici e arriva il momento in cui sono tutti sopraffatti dalla fame: in pochi minuti si assicura un piatto saporito che rallegra la compagnia.

INGREDIENTI (per 4 persone)
400 gr di spaghetti
500 gr di pomodorini ciliegino oppure San Marzano
1 spicchio d’aglio
qualche cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 peperoncino piccante
2 cucchiaini di capperi
6 filetti di acciughe sott’olio
sale q.b.

COME SI PREPARANO GLI SPAGHETTI ALLA SAN GIUANNI?

Mettere a bollire l’acqua per la pasta, non molto salata dato che il sughetto sarà già saporito di suo e intanto soffriggere aglio e peperoncino in una padella con dell’olio.

Appena l’aglio sarà leggermente dorato aggiungere prima i filetti di acciughe, poi i pomodorini tagliati a metà: schiacciarli con una forchetta in modo che rilascino il succo e lasciarli cuocere a fuoco lento per circa 15 minuti fino a quando non inizieranno ad appassire.

Aggiungere al sugo un po’ d’acqua di cottura degli spaghetti, ricordare di eliminare gli spicchi d’aglio, se si gradisce solo l’odore, aggiungere capperi e olive nere, se si hanno in frigo e se si gradiscono, un minuto prima di spegnere il fuoco.

Intanto fare molta attenzione alla cottura degli spaghetti che vanno scolati al dente, soprattutto perché è bene saltarli in padella un paio di minuti con gli altri ingredienti per farli insaporire e amalgamare bene al sugo.

Pronti per essere serviti, assaporali con con un bicchiere di vino Primitivo.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fiera Pessima: alcune osservazioni di Coldiretti, Legambiente e Popularia

Legambiente, Coldiretti e Popularia formulano alcune riflessioni sulla gestione della Fiera Pessima, e le inviano …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.