mercoledì 17 Agosto, 2022 - 9:47:01

Taranto- Carabinieri e Guardia Costiera denunciano 8 persone per produzione, detenzione e commercializzazione di cozze pericolose illecitamente allevate nel 1° seno del Mar Piccolo.

Taranto- Carabinieri e Guardia Costiera denunciano 8 persone per produzione, detenzione e commercializzazione di cozze pericolose illecitamente allevate nel 1° seno del Mar Piccolo.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale ed i militari della Capitaneria di Porto–Guardia Costiera di Taranto, supportati dal N.A.S. jonico e dalla Compagnia di Taranto, nel corso della scorsa nottata, hanno dato esecuzione ad un’attività di controllo in materia di coltivazione e commercializzazione dei frutti di mare, in particolare cozze, provenienti dagli impianti di mitilicoltura del Mar Grande e del Mar Piccolo di Taranto, nonché nei confronti di operatori della filiera di settore.

Nell’ambito dell’attività, avviata a seguito di una segnalazione pervenuta ai Carabinieri di Taranto inerente all’asserita ed illecita coltivazione e prelievo, dal 1° seno del Mar Piccolo, di cozze adulte pronte per la commercializzazione ed il consumo, anche dopo il 31 marzo, data entro cui, secondo l’apposita ordinanza regionale, debbono essere raccolti i mitili allo stato di “seme” per essere reimpiantati in acque non inquinate, è stato in particolare accuratamente setacciato l’intero specchio acqueo di Mar Piccolo. Nel settore, venivano individuate alcune imbarcazioni, del tipo gozzo a motore, a bordo delle quali alcuni miticoltori si recavano a raccogliere cozze adulte e pronte per l’immissione sul mercato, anche nel 1° seno, sebbene lo stesso, come detto, sia notoriamente inibito a tale allevamento per i molluschi adulti, in ragione dell’inquinamento delle acque. Dopo aver monitorato e documentato tali illecite operazioni, anche mediante riprese video/fotografiche eseguite in forma occulta lungo tutto il tratto costiero, i militari dell’Arma e della Capitaneria individuavano e bloccavano 8 persone, in dettaglio: 7 pescatori tarantini ed il titolare di una pescheria di Grottaglie. In particolare, i 6 pescatori venivano trovati a bordo di imbarcazioni sulle quali trasportavano i mitili appena raccolti, 1 pescatore mentre stava vendendo abusivamente gli stessi appena prelevati dal mare su di un molo ed il titolare della pescheria a bordo di un automezzo refrigerato sul quale aveva appena caricato 60 kg. di cozze, dirigendosi verso il proprio esercizio, nei paraggi del quale veniva controllato e fermato.

Tutti i soggetti sono accusati, a vario titolo, di produzione, detenzione e commercializzazione di sostanze alimentari nocive, nello specifico frutti di mare, in quanto venduti a commercianti verosimilmente ben consapevoli di acquistare cozze allevate in ambiente inquinato, in quanto si hanno fondati motivi di ritenere che le stesse venissero vendute a prezzi nettamente più convenienti di quelli di mercato, fino al 50% in meno.

Nel corso dell’attività investigativa, sono stati sequestrati circa 1 tonnellata di cozze nere e tre imbarcazioni con i relativi motori fuori bordo in uso ai mitilicoltori denunciati. Il pescato è stato immediatamente distrutto a mezzo autocompattatore.

All’esecuzione dell’attività hanno partecipato circa 25 uomini a bordo di 10 autovetture dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, della Compagnia e del N.A.S. di Taranto e della Guardia Costiera jonica, supportati da due mezzi nautici della Guardia Costiera.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La poesia o la prosa, possono ancora sopravvivere nell’universo delle comunicazioni di massa

La poesia o la prosa, possono ancora sopravvivere nell’universo delle comunicazioni di massa

In seguito al notevole successo della presentazione del libro “La bellezza dell’attimo” (Maruggio, 9 agosto …