martedì 13 novembre, 2018 - 1:29:03
Home > Primo Piano > Taranto, Concerto di Biagio Antonacci per l’Ilva, compenso a operai

Taranto, Concerto di Biagio Antonacci per l’Ilva, compenso a operai

Il cantante suonerà in concerto al Pala Mazzola di Taranto il prossimo 8 dicembre e ha fatto sapere che donerà il suo intero compenso a favore dei lavoratori a rischio licenziamento dell’Ilva e dei loro figli.

Niente da fare, un artista come Biagio Antonacci è merce rara, sia per la sua bravura come musicista che per la sua sensibilità umana. Di sicuro i fan ricorderanno l’appello del cantante verso i suoi colleghi a donare i propri cachet a favore dei terremotati per l’Emilia Romagna. Oggi continua a stupire i suoi sostenitori e gli italiani in generale per la sua nuova iniziativa che merita un plauso. Suonerà in concerto al Pala Mazzola di Taranto il prossimo 8 dicembre e ha fatto sapere che tramite un notaio donerà il suo intero compenso a favore dei lavoratori a rischio licenziamento dell’Ilva e dei loro figli:

“Ho deciso di avvalermi della consulenza del Notaio Luciano Quaggia a garanzia del fatto che la somma da me donata venga costantemente monitorata e utilizzata, in modo adeguatamente ed ufficialmente certificato, nel migliore dei modi. Essendo molto legato alla terra di Puglia, la regione dalla quale in parte provengono le mie origini, per giorni e giorni ho pensato a lungo se fosse stato giusto suonare, cantare e fare spettacolo in occasione del concerto che il prossimo 8 dicembre terrò a Taranto, una città con una popolazione così fortemente colpita dalla vicenda dell’Ilva.”

Un gesto di solidarietà verso gli abitanti pugliesi che stanno attualmente vivendo l’incubo della disoccupazione e della mancanza di speranza per il futuro dei propri figli. Antonacci racconta che chiunque sia in grado dovrebbe nel suo piccolo fare qualcosa per i lavoratori dell’Ilva; per quanto riguarda se stesso, cantare e devolvere in beneficenza il suo cachet è il modo migliore che conosca.

“Ritengo che la cosa migliore in questi casi sia, per chi è in grado di farlo, intervenire direttamente al fine di dare un contributo reale e concreto. Sostengo da sempre che certi gesti debbano essere fatti nel totale silenzio, senza che possano essere utilizzati e strumentalizzati per fini pubblicitari o personali, cosa che non desidero affatto, ma ho deciso di rendere pubblica questa mia azione al fine di far sì che giungano alla mia persona, attraverso il notaio, più proposte da vagliare e tra le quali poter scegliere”

Un plauso all’artista che ha mostrato, anche in questa triste vicenda tutta ialiana, un’umanità eccezionale, da vero big, nella musica e nella vita.

http://music.fanpage.it

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

A 550 anni dalla nascita di Nicolò Machiavelli si rilegge Il Principe in un prestigioso studio curato Micol Bruni

“IL PRINCIPE. Il Machiavelli di un secolo di mezzo“: un grande libro per un grandissimo …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.