giovedì 09 Febbraio, 2023 - 9:25:11

Taranto: Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Taranto esegue misura di prevenzione patrimoniale

Taranto: Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Taranto esegue misura di prevenzione patrimoniale

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito, nella giornata di ieri, una misura di prevenzione patrimoniale, emessa dalla Sezione Penale del Tribunale di Taranto, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Lecce, procedendo alla confisca di beni per un valore complessivo di circa 230000 euro, sottratti ad un pregiudicato della provincia di Taranto, già condannato per associazione per delinquere di tipo mafioso. Lo stesso sarebbe risultato, appartenente ad un clan operante nella parte ovest della provincia jonica, dedito alla commissione di numerosi reati, tra i quali omicidio, estorsione, sequestro di persona e traffico di sostanze stupefacenti.

La confisca è stata disposta dall’Autorità Giudiziaria, secondo quanto previsto dal Codice Antimafia, su beni individuati dopo prolungate e complesse attività di indagine economico-patrimoniali, condotte dagli investigatori dell’Arma, estese anche al nucleo familiare, che hanno consentito di verificare una notevole sproporzione tra i beni a loro riconducibili ed i redditi dichiarati. I beni confiscati, infatti, sono terreni agricoli ed in particolare agrumeti, sui quali era stata costruita una villa di grosse dimensioni, completa anche di piscina.

Il provvedimento si inserisce in un’ampia strategia istituzionale dell’Arma dei Carabinieri, volta a contrastare l’accumulo di patrimoni illeciti da parte della criminalità organizzata e più nello specifico da parte di individui ritenuti socialmente pericolosi e quindi dediti abitualmente a commettere delitti, che vivono esclusivamente o quasi dei proventi derivanti dalle attività criminose.

L’indagine, che ha visto impegnati gli uomini e le donne dell’Arma Jonica per mesi,  è stata condotta secondo quanto stabilito dal “Metodo Falcone”, ovvero il contrasto alla criminalità organizzata attraverso lo strumento delle indagini patrimoniali. Proprio il Giudice Giovanni Falcone affermò che: “il vero tallone d’Achille delle organizzazioni mafiose è costituito dalle tracce che lasciano dietro di sé i grandi movimenti di denaro connessi alle attività illecite più lucrose. Lo sviluppo di queste tracce attraverso un’indagine patrimoniale che segua il flusso di denaro proveniente dai traffici illeciti, è quindi la strada maestra, l’aspetto decisamente da privilegiare nelle investigazioni in materia di mafia…”

Occorre precisare che il provvedimento eseguito, di primo grado, non è definitivo. Lo stesso potrà o meno divenirlo a seguito di successivo giudizio della Corte d’Appello.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Oria (BR). Aveva molestato diverse giovani donne con proposte a sfondo sessuale, arrestato

Oria (BR). Aveva molestato diverse giovani donne con proposte a sfondo sessuale, arrestato

I carabinieri della Stazione di Oria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei …