lunedì 22 Luglio, 2019 - 0:02:34
Home > ARTè... > Taranto, sabato 11 maggio XXI Edizione rievocazione del matrimonio tra Ladislao, Re di Napoli, e Maria d’Enghien

Taranto, sabato 11 maggio XXI Edizione rievocazione del matrimonio tra Ladislao, Re di Napoli, e Maria d’Enghien

TARANTO – Sabato 11 Maggio alle ore 17,30 avrà inizio la rievocazione del matrimonio , giunta alla XXI Edizione, tra Ladislao, Re di Napoli, e Maria d’Enghien, già principessa di Taranto e vedova di Raimondo Orsini del Balzo.

Nel cortile d Palazzo Galeota (via Duomo), allestito a tema medievale, gli Sbandieratori Città di Oria e i Musici intratterranno il pubblico “ Aspettando la Principessa”, nell’attesa che il corteggio si componga.

Il Corteo si muoverà da Palazzo Galeota ( via Duomo 234) alle 18,30, percorrerà via Duomo fino a giungere alla Piazza Monteoliveto dove gli Sbandieratori di Oria si esibiranno nelle loro evoluzioni. Nella Chiesetta di Sant’Andrea degli Armeni verrà celebrato il Matrimonio e inizieranno i festeggiamenti. Quindi il Corteggio ripercorrerà a ritroso via Duomo per Giungere al Convento di San Francesco, attuale sede dell’Università Jonica, dove sarà drammatizzata la storia di Taranto al tempo del Principato degli Orsini del Balzo . Al termine, percorso l’ultimo tratto di via Duomo, il Corteo si recherà in Palazzo di Città nei cui saloni verranno letti i privilegi che il Re di Napoli concesse al popolo di Taranto si saluteranno ufficialmente gli ospiti della città di Treviso “Associazione Dama Trevigiana” . Il Palazzo sarà illuminato con i colori dei Principi di Taranto verde e giallo, adorno con le insegne dei protagonisti della storia. Dai balconi si affacceranno i regnanti a salutare il popolo di Taranto che attenderà l’uscita del corteo dal palazzo .

Intorno alle 20,30 si attraverserà il ponte girevole per sfilare nel Borgo : via d’Aquino, Piazza della Vittoria, piazza Maria Immacolata con spettacolo itinerante. Durante l’intera manifestazione sfileranno i gonfaloni della Città di Taranto e della città di Treviso, per gentile concessione dei rispettivi sindaci. Nella mattina del 11 maggio i turisti che visiteranno la Città Vecchia potranno godere di un “dietro le quinte” nell’androne di Palazzo Galeota.

Come di consueto, l’evento vede la partecipazione dei gruppi d’arme de La Corte delle Spade di Imola, La Nuova Vis Ferri di Trieste, degli sbandieratori Città di Oria, i musici di Tarantinidion e Simona Cucci, Sant’Andrea degli Armeni Domus Armenorum, alcuni partners di decenni, altri nuovi collaboratori. L’Associazione si avvale della collaborazione di numerosi studenti soprattutto del Liceo classico Archita impegnati nel progetto di alternanza scuola lavoro “Taranto e il Medioevo : per una corretta divulgazione del patrimonio storico culturale” e gli studenti del Dipartimento Jonico dell’Università di Taranto.

Numerosi i cittadini sensibili e appassionati alla storia della nostra città che anche quest’anno hanno voluto indossare gli abiti di dame e cavalieri; saremo in tanti a far rivivere questa pagina della storia della città. Tante le Istituzioni e associazioni che collaborano alla realizzazione di questo evento: Comune di Taranto, Università degli Studi di Bari Dipartimento Jonico, La Corte delle Spade, la Nuova Vis Ferri di Trieste, la Domus Armenorum, Tarantinidion, la Bottega delle idee., Rise Up .

Durante tutta la manifestazione ci sarà il supporto della protezione civile, nonché delle forze dell’ordine della Città di Taranto.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La Portaerei Cavour, nave ammiraglia della Marina Militare, ha fatto ingresso ieri nel bacino in muratura “Ferrati” dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto

La Portaerei Cavour ha fatto ingresso ieri nel bacino “Edgardo Ferrati” dell’Arsenale Militare Marittimo di …