venerdì 20 Settembre, 2019 - 20:32:19
Home > La Voce > Locali > Torricella: «Mancato rispetto delle quote rosa nella composizione della giunta comunale »

Torricella: «Mancato rispetto delle quote rosa nella composizione della giunta comunale »

maschio_femmina

 

TORRICELLA – “ Il nuovo consiglio Comunale di Torricella si è insediato da pochi giorni ma già ci sono argomenti di discussione di assoluta importanza “. E’ quanto fa notare il dott. Franco Depascale, dirigente del gruppo politico “ Uniti per il territorio – Turco Sindaco ”.

“ Il primo problema riguarda il mancato rispetto delle quote rosa nella composizione della giunta comunale, così come previsto dall’art. 1 della L. n. 56 del 7 aprile 2014 ( in base al quale nelle giunte dei comuni con popolazione superiore a 3000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento, con arrotondamento aritmetico) e quindi, nel caso di Torricella, in Giunta dovrebbero essere presenti due donne .

Tra l’altro – prosegue Depascale – non risulta esperita da parte del Sindaco alcuna istruttoria per la scelta della nominanda che evidenzi l’impossibilità del rispetto della suddetta percentuale.

Si fa notare a tal proposito che “ non è sufficiente allegare due comunicazioni di rifiuto a svolgere la carica di assessore per ritenersi provata l’impossibilità a garantire la presenza dei due generi, dovendosi dare prova dell’istruttoria sindacale effettivamente espletata per reperire membri di giunta del genere sottorappresentato (T.A.R. Catanzaro, n . 1 /2 0 1 5 ) ”; inoltre “ l’impossibilità è rinvenibile nel caso in cui lo Statuto non prevede la possibilità di nominare assessori cittadini non facenti parti del Consiglio comunale (cfr. art. 4 7 , c. 4 , TUE L per comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti), e nel Consiglio comunale non siano presenti esponenti di sesso femminile della lista del Sindaco (T.A.R. Milan o, n . 9 6 1 /2 0 1 5 )” .

L’ altro problema riguarda, invece, l’assegnazione da parte del Sindaco di deleghe a carattere generale e assessorile a consiglieri comunali. “ La delega – continua Depascale – è un provvedimento amministrativo mediante il quale il Sindaco trasferisce l’esercizio del potere di adottare gli atti rientranti in una determinata sfera di competenza. Ed è un potere che non può avere il Consigliere comunale al quale la legge ammette la possibilità di “ delega-incarico ”, ma solo per coadiuvare l’attività del Sindaco per compiti specifici e a tempo limitato ed i cui provvedimenti faranno capo e saranno sottoscritti solo dal Sindaco.

In pratica ed in sintesi – conclude Depascale – il Consigliere-Delegato studia e approfondisce particolari argomenti e espone al Sindaco il suo punto di vista, nient’altro ”.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

manifesto concerto

Il 7 agosto a Torre Ovo grande rock con il bassista dei Litfiba

Promette di infiammare la piazzetta sul mare di Torre Ovo la rock band Tribù Litfiba, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.