domenica 17 Ottobre, 2021 - 11:07:00

Toto Cutugno, la foto ossessiva su Facebook diventa un caso di studio in USA

tot nazionale

Vanta più di 45 mila fan ed è nata il 20 agosto 2014. E’ la pagina Facebook “La stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno”, in cui il creatore posta, appunto, ogni giorno la stessa, identica foto del cantante Toto Cutugno. Ma non è l’unico ad avere avuto un’idea del genere. Se si digitano le parole “la stessa foto” nella barra di ricerca di Facebook appariranno tantissimi risultati: perfino Yotobi e Maurizio Costanzo hanno uno “spazio fotografico” a loro dedicato.  Un’idea non originale che però, rispetto alle altre, ha un successo enorme. E su tale successo otto ricercatori italiani della Cornell University hanno voluto farci uno studio.

 

 

Everyday the Same Picture: Popularity and Content Diversity è il titolo della pubblicazione dei ricercatori inviata lo scorso 28 gennaio. Quello che gli studiosi volevano capire è come l’algoritmo di Facebook possa essere utilizzato per creare o meno il successo di una pagina. Le interazioni sono fondamentali e quindi la pubblicazioni di contenuti di diverso tipo possono spingere un pubblico eterogeneo a commentare, condividere o semplicemente mettere un like.

Ogni interazione aumenta la probabilità che il contenuto possa essere visto da una quantità superiore di persone. E però, arriva Toto Cutugno a scombinare le carte in tavola. La pagina “La stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno” ha un successo enorme rispetto a fanpage simili (va infatti ricordato che la prima pagina che inventò questo giochino è quella dedicata al comico americano Dave Coulier). Per questo gli otto ricercatori hanno preso Toto Cutugno come pietra di paragone per il loro studio. E’ vero i like a quella foto anni 80 non mancano mai, nemmeno i commenti, ma la crescita esponenziale dei “mi piace” può essere ricondotta al solo successo del cantante?

Qui sorge il dubbio: i curatori della pagina potrebbero anche aver trovato il modo di beffare il segretissimo algoritmo che regola il mondo creato da Mark Zuckerberg. Se ciò fosse vero, sarebbe un grave danno per il colosso americano. Ad aggiungere un po’ di esoterismo alla notizia arriva anche il nome della pagina Fb che si estrapola dalla url: totocutugno666. Con quel numero satanico già noto ai più. Detto questo, a noi, romantici italiani cresciuti con le note de “L’italiano” del Toto nazionale preferiamo credere che il successo sia tutto originale.

Fonte:www.tgcom24

Traduzione della pagina  Cornell University

Facebook è invaso dai contenuti diversi e eterogenei, dai cuccioli fino alla musica e notizie, passando attraverso storie satiriche e divertenti. Ogni pezzo di quel corpus riflette l’eterogeneità del fondo sociale sottostante. In Facebook versione italiana abbiamo trovato un caso interessante: una pagina con più di 40.ooo seguaci che ogni giorno i messaggi la stessa immagine di Toto Cutugno, un popolare cantante italiano. In questo lavoro, si usa tale pagina come un punto di riferimento per lo studio e modellare gli effetti delle eterogeneità contenuto di popolarità. In particolare, si usa questa pagina per un’analisi comparativa dei modelli di consumo informazioni per quanto riguarda le pagine distacco scienza e cospirazione notizie. In totale, analizziamo su 2 M simpatie e 190 K commenti, fatti da circa 340 K e 65 K utenti, rispettivamente. Concludiamo l’articolo di introdurre un modello che imita utenti preferenze di selezione rappresentano l’eterogeneità dei contenuti.

 

L’intervista al creatore della pagina tratta da www.meltybuzz.it:

15398_453423934800018_8978033684206409528_nDa dove è nata l’idea di aprire una pagina del genere? L’ho aperta il 20 Agosto 2014. L’idea della pagina è nata dalla necessità di dare alle persone qualche certezza in questi tempi instabili. Nel tempo della malleabilità della forza lavoro immateriale e della standardizzazione della creatività ormai degradata a marketing, mi sono richiamato al concetto deleuziano di differenza nella ripetizione per rappresentare la possibilità della ricerca del piacere tra le pieghe della reificazione dell’immaginario. L’evoluzione è stata del tutto naturale, grazie ai fan che, nonostante la pagina sia (solo in apparenza) monotona, sono molto variegati e attivi: sono loro il motivo principale del successo della mia pagina, perché è a loro che è diretta.

Ma perché proprio Toto Cotugno? A volte arrivano dei momenti nella vita di un uomo in cui ha bisogno di cambiamenti. Si sente la necessità di una folata fresca, di un refolo che spazzi via la monotonia della moderna esistenza. Toto Cutugno è esattamente questo. Negli anni ottanta fu quel paladino del sentire popolare, troppo schivo per permettersi di vincere il Festival e troppo orgoglioso per non parteciparvi. L’eroe romantico che oggi, in questo mondo governato dalla superficialità, rappresenta la bravura senza pretese, il sorriso sornione del ragazzo di bottega che il sabato sera va al cinema con la fidanzatina. Rappresenta la forza delle radici culturali in questo pazzo mondo globalizzato.

Cosa pensi che attiri le pesone sulla tua pagina? Cosa diresti ai fan? Penso che il soggetto riesca naturalmente ad attirare i fan: io deve solo assicurarmi che appaia tutti i giorni in perfetta forma. Le persone mettono “mi piace” perché Toto Cutugno è un punto di riferimento classico che esprime l’orgoglio e la fierezza di essere italiani, cosa ben rappresentata dagli italiani stessi che, difatti, vi si identificano. Il mondo cambia rapidamente, e nelle nostre vite gli avvenimenti scorrono ininterrottamente mediati dalle nuove forme comunicative, evolvono, mutano, e prima ancora che noi possiamo prenderne atto ci ritroviamo in una realtà ancora nuova da affrontare, ma con la stessa vita di sempre. Nelle nostre bacheche le notizie diventano obsolete alla stessa velocità con cui sono venute in essere. Tutto cambia affinché nulla cambi. Questa pagina, in netta contrapposizione, propone sempre la stessa foto, ogni giorno. Una foto eterna che non passa mai di moda, non invecchia mai. I fans sanno che ogni giorno, dopo pranzo, ci sarà la foto del Maestro: è una sicurezza. È questa necessità fondamentale che attira le persone nella mia pagina. In luce di quanto appena detto, l’unica cosa che desidero dire, anzi dare, ai miei fan è: la stessa, solita, sgranata e sgraziata foto di Toto Cutugno. Di questo si può esser certi.

Crediti foto/video: facebook

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

TARANTO – Aggredisce autista della Kyma Trasporti: identificato e denunciato dalla Polizia di Stato

Il personale della Squadra Mobile, nel giro di poche ore, ha identificato e denunciato il …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.