sabato 27 Novembre, 2021 - 6:44:16

Truffata un’ anziana signora bottino da 6000 euro

soldi_8247250

MARTINA FRANCA (TA): Nel pomeriggio di ieri  i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Martina Franca hanno tratto in arresto un quarantenne di Locorotondo, già gravato da un precedente di polizia specifico, ritenuto colpevole di reati di truffa e furto all’interno di abitazione. L’uomo, intorno alle ore 8:45, notava sul balcone di un abitazione sita in questa via Mongelli un’ anziana intenta a stendere i panni e, con modi eleganti e gentili, si presentava quale assicuratore del genero della donna, riuscendo a farsi invitare in casa. Una volta all’interno, rappresentava alla signora di essere creditore da suo genero della somma di 1.900 euro, quale corrispettivo per un incidente stradale accaduto qualche giorno prima e, per tranquillizzare la stessa e incentivarla a pagare, le diceva, altresì, che dopo qualche settimana, terminata la causa, le avrebbe restituito ben 19.000 euro. Subito dopo chiedeva alla donna il numero di telefono del genero, offrendosi di chiamarlo per farsi dare la conferma di quanto detto. La donna a quel punto dettava al malvivente il numero di telefono del genero, e questo fingendo di comporlo, chiamava invece dal proprio cellulare un complice il quale, spacciandosi quale genero della donna, la rassicurava e le diceva che poteva pagare tranquillamente. La donna, a quel punto si recava in camera da letto per prendere il denaro e consegnava al finto assicuratore la somma di 400 euro. Questi, da parte sua, ribatteva che non erano sufficienti e, con gesto repentino, afferrava un mucchio di banconote pari a circa 6.000 euro lasciate improvvidamente dalla donna sopra il comodino e si dava alla fuga. Uscendo dall’abitazione, l’uomo veniva però notato da altri due condomini che stavano scendendo e che alle grida della signora si erano precipitati in suo soccorso. Sul posto giungeva immediatamente una pattuglia del Commissariato di Polizia di Martina Franca la quale acquisiva una sommaria descrizione dell’uomo e degli abiti da lui indossati e diramava le ricerche alla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri. Dopo circa un’ ora e mezza, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile notava, parcheggiata di fronte alla Stazione Ferroviaria, una Citroen C 3 con a bordo un uomo che, per sembianze fisiche e abbigliamento, era simile all’autore della truffa e procedeva al suo controllo. Contemporaneamente veniva allertato personale del Commissariato di Polizia che invitava l’anziana signora e gli altri due testimoni in Caserma per tentare di effettuare un riconoscimento. Giunti sul posto  tutti e tre riconoscevano senza ombra di dubbio il malvivente quale autore della truffa e pertanto l’uomo veniva dichiarato in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Taranto. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati ad individuare il complice del malvivente al quale lo stesso prima di essere fermato ha consegnato sia il denaro, che purtroppo non è stato ancora trovato, che il cellulare utilizzato per compiere la truffa. E’ doveroso sottolineare infine che il risultato investigativo è stato raggiunto da un lato grazie alla collaborazione della vittima e dei due testimoni, che non hanno esitato a riconoscere e denunciare il truffatore e, dall’altro lato, grazie alla effettiva collaborazione e all’immediato scambio info operativo che esiste nella città di Martina Franca fra i Carabinieri e il locale Commissariato di PS.

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Carabinieri rinvengono reperti archeologici

I carabinieri della Sezione Operativa di Taranto, nel corso di uno specifico servizio di prevenzione …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.