martedì 11 Maggio, 2021 - 21:46:12

Turco: “Uscire dalla situazione di stallo per rilanciare il porto di Campomarino”

Giuseppe-Turco“Adottare tutti gli atti necessari al fine di salvaguardare il patrimonio dell’intera provincia tarantina e di tutta la comunità di Maruggio”. È l’appello del consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco, sulla situazione di stallo che vive, ormai da anni, il porto turistico di Campomarino di Maruggio al centro di polemiche e presunte inadempienze gestionali.

“Degrado, abbandono – sottolinea Turco – e rimpalli di responsabilità all’interno della società concessionaria la Torre Moline S.p.A. (società a capitale misto, costituita tra il Comune di Maruggio e la Fraver s.r.l, rispettivamente nelle quote del 49 e 51 per cento) stanno solo danneggiando l’immagine del porto e attirando anche l’attenzione dei mass media nazionali. Ci giunge in queste ore, infatti, l’arrivo di una troupe televisiva di”.

“Per questo occorre – sottolinea Turco – fare al più presto chiarezza perché dalle informazioni assunte in ambito regionale risulterebbe avviato il procedimento di decadenza della concessione demaniale.

Questo scenario a nostro avviso potrebbe riaprire i margini per una nuova assegnazione della concessione e garantire occupazione, sviluppo e rilancio all’intera area portuale”.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Estratti dal web. Più rispetto per i negri - Marcello Veneziani

Estratti dal web. Più rispetto per i negri – Marcello Veneziani

Ieri mi ha fermato un africano per vendermi qualcosa e mi ha detto “Fratello bianco”. …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.