giovedì 22 Agosto, 2019 - 15:48:25
Home > Rubriche > A Tavola con La Voce > Un piatto imperdibile salentino: “La scapece”

Un piatto imperdibile salentino: “La scapece”

Scapece è il pesce fritto marinato in strati di pangrattato, aceto, aglio, menta, zafferano. Venduto per strada, sulle bancarelle delle fiere di paese, e della festa patronale di San Giovanni a Maruggio e San Gregorio a Manduria e in occasione della vigilia della festa della Madonna Immacolata l’8 dicembre.  I più lo preferiscono con aggiunta di alici. Vi sorprenderete dello zafferano. Recita la Confraternita delle DECO: “La scapece sembra fosse molto gradita a Federico II di Svevia, il quale faceva imbandire le sue tavole di colore giallo proprio perché amava il colore dello zafferano.”

Curiosità: La scapece era uno dei cibi tipici delle sagre locali. Il colore giallo era dovuto allo zafferano, pianta che anticamente veniva coltivata nel territorio di Botrugno. Proprio questa tinta così intensa esaltava le proprietà organolettiche di questa pietanza. Veniva e viene conservata in grossi tini di rovere.”

Come viene realizzata lo Scapece
Il pesce veniva prima fritto e poi conservato in una marinatura fatta di diversi strati di pane imbevuto nell’aceto, con l’aggiunta di zafferano che dona a questo piatto il caratteristico colore giallo. Un colore che evoca il caldo e il sole di queste terre, che sprigiona luminosità richiamando le caratteristiche dell’oro, e quindi il grande valore che questo piatto aveva in passato per le popolazioni locali. Il tutto veniva poi raccolto e conservato in delle tinozze chiamate “calette”.

Il pesce utilizzato è di piccole dimensioni e molto giovane, si tratta perlopiù di ope e cupiddhi (ovvero boghe e zerri) che non vengono puliti prima della frittura, ciò potrebbe sembrare strano invece, così facendo, la lisca del pesce diventerà commestibile grazie alla marinatura in aceto, che andrà ad ammorbidirla. Si tratta di un piatto davvero unico, ottimo da servire anche come antipasto, accompagnandolo ad altri famosi antipasti della zona, magari unito a del vino bianco.

Una pietanza di cui era golosissimo anche l’Imperatore Federico II di Svevia, il quale ordinava spesso la sua preparazione con il pesce che faceva arrivare apposta per lui dal Lago di Lesina. Del piatto esistono numerose varianti, una di queste totalmente dedicata all’Imperatore.

Non vi resta che mettere mano ai fornelli! Ai più pigri invece, voglio ricordare che il piatto viene servito come specialità gastronomica in molti ristoranti del Salento. Bisogna considerare inoltre, che la scapece gallipolina è un prodotto tipico di molte feste patronali e sagre dedicate al pesce, le quali sono davvero molto frequenti in Estate, in tutto il Salento.

La Ricetta della Scapece Gallipolino
Ingredienti
800 grammi di pesce azzurro.
1 litro di aceto.
1 litro di olio da frittura.
3 bustine di zafferano.
1 chilo di pane.
Farina e sale quanto bastano.

Preparazione
Infarinate il pesce, senza privarlo delle spine, e friggetelo fino a quando non avrà ottenuto un colore dorato. Fatelo scolare su della carta assorbente e salatelo. In una terrina sciogliete lo zafferano nell’aceto e mescolate abbondantemente.

Prendete il pane e rimuovete la mollica, sulla quale andrete a versare l’aceto fino a coprirla completamente, lasciandola riposare per alcuni minuti.

Procuratevi un contenitore molto alto e disponete un primo strato di mollica imbevuta d’aceto sul quale andrete ad aggiungere uno strato, non troppo spesso, di pesce. Alternare i due strati fino al completo riempimento del contenitore. Fate marinare il tutto per almeno 24 ore e il gioco è fatto.

FONTE: Vizionario.it

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Quando la libertà è uccisa. Epitaffio sulla morte della democrazia di Pd, 5 Stelle e Vaticano Va in scena nuovamente il Catto – Comunismo

  Già, poteva mancare? Anche Bergoglio contro Salvini. Ma questo lo si sapeva da sempre. …