martedì 20 Ottobre, 2020 - 16:24:48

Quando la democrazia non ha pluralismo è una democrazia finita

Papa Benedetto XVI nall’Omelia dell’11 giugno 2010:

Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza”: il pastore ha bisogno del bastone contro le bestie selvatiche che vogliono irrompere tra il gregge; contro i briganti che cercano il loro bottino. Accanto al bastone c’è il vincastro che dona sostegno ed aiuta ad attraversare passaggi difficili. Ambedue le cose rientrano anche nel ministero della Chiesa, nel ministero del sacerdote. Anche la Chiesa deve usare il bastone del pastore, il bastone col quale protegge la fede contro i falsificatori, contro gli orientamenti che sono, in realtà, disorientamenti. Proprio l’uso del bastone può essere un servizio di amore. Oggi vediamo che non si tratta di amore, quando si tollerano comportamenti indegni della vita sacerdotale. Come pure non si tratta di amore se si lascia proliferare l’eresia, il travisamento e il disfacimento della fede, come se noi autonomamente inventassimo la fede. Come se non fosse più dono di Dio, la perla preziosa che non ci lasciamo strappare via. Al tempo stesso, però, il bastone deve sempre di nuovo diventare il vincastro del pastore – vincastro che aiuti gli uomini a poter camminare su sentieri difficili e a seguire il Signore”.

Una pedagogia senza regole è come uno Stato senza Costituzione Da Maria Montessori a Popper i processi educativi sono metodologie che toccano quella dimensione dell’uomo considerato come interprete di un umanesimo antropologico. Oltre una visione teologica ma dentro una filosofia come sguardo attento verso l’epistema. La regola primaria è proprio qui. Ovvero una società non considerata aperta è una politica priva di cultura.

È Popper che smonta la visione “collettiva” delle storie condivise. Le storie o la storia, meglio, è plurale, ed essendo tale ha una lettura pedagogica e antropologica dei fatti, degli avvenimenti, degli eventi.

Anche sulla questione dei disabili, tra famiglia, scuola e società, non si può insistere su un percorso permanente, inteso come educazione permanente. La quale resta distante da una pedagogia marxista o “collettiva”.

Popper:

“Il marxismo è solo un episodio – uno dei tanti errori che abbiamo commesso nella perenne e pericolosa lotta per costruire un mondo migliore e più libero”.

Il permanente è dentro un sistema di strategia normale. Il modello educativo variante è dentro, invece, una concezione culturale plurale. Ecco perché l’adattamento o il disadattamento sono incisi pedagogici in una cultura transitiva e di valori costanti. Valore, ovvero ciò che vale vivere.

Oggi le società sono in transizione. Anche i comportamenti e quindi i valori. Non può esistere una storia condivisa e tanto meno un immaginario collettivo. Siamo dentro una civiltà aperta, non chiusa e quindi è il senso del Plurare che dovrebbe dominare anche in discorso di metodologia didattica.

Popper:

Non esiste alcun criterio generale di verità. Ma ciò non legittima la conclusione che la scelta fra teorie concorrenti sia arbitraria: significa soltanto e molto semplicemente che noi possiamo sempre errare nella nostra scelta, che possiamo sempre vederci sfuggire la verità o che possiamo non raggiungerla, che non possiamo mai pretendere la certezza; che noi insomma siamo fallibili”.

Una filosofia pedagogica del plurale non è ancora penetrata nei tessuti scolastici ed educativi. Ma è necessario che ciò avvenga per mutare i rapporto con i ragazzi e con generazioni che già sono molto distanti dai docenti stessi.

Il tracciato deve, appunto, riguardare il viaggio epistemologico che va dalle case dei bambini della Montessori al mondo plurale di Popper.

Facile? Dipende dalla formazione e dallo spessore culturale che hanno i docenti.

Montessori:

La scuola è quell’esilio in cui l’adulto tiene il bambino fin quando è capace di vivere nel mondo degli adulti senza dar fastidio“.

Una cosa mi sembra certa ed è sempre Popper a sottolinearla:

Il futuro è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti. Dipende da ciò che voi e io e molti altri uomini fanno e faranno, oggi, domani e dopodomani. E quello che noi facciamo e faremo dipende a sua volta dal nostro pensiero e dai nostri desideri, dalle nostre speranze e dai nostri timori. Dipende da come vediamo il mondo e da come valutiamo le possibilità del futuro che sono aperte“.

La politica, dunque, resta fondamentale. Ma una politica senza cultura resta una politica chiusa e ottusa.
Abbiamo bisogno di testimonianze. Forti, come quelle che diede e propone Benedetto XVI. Questa sottolineatura la si legge nel suo “Gesù di Nazaret”:

Le testimonianze neotestamentarie non lasciano alcun dubbio che nella “risurrezione del Figlio dell’uomo” sia avvenuto qualcosa di totalmente diverso. La risurrezione di Gesù è stata l’evasione verso un genere di vita totalmente nuovo, verso una vita non più soggetta alla legge del morire e del divenire, ma posta al di là di ciò – una vita che ha inaugurato una nuova dimensione dell’essere uomini. Per questo la risurrezione di Gesù non è un avvenimento singolare, che noi potremmo trascurare e che apparterrebbe soltanto al passato, ma è una sorta di “mutazione decisiva” (per usare analogicamente questa parola, pur equivoca), un salto di qualità. Nella risurrezione di Gesù è stata raggiunta una nuova possibilità di essere uomini, una possibilità che interessa tutti e apre un futuro, un nuovo genere di futuro per gli uomini.
Con ragione, quindi, Paolo ha inscindibilmente connesso la risurrezione dei cristiani e la risurrezione di Gesù: “Se infatti i morti non risorgono, neanche Cristo è risorto…Ora, invece, Cristo è risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti” (1 Cor 15,16.20). La risurrezione di Cristo o è un avvenimento universale o non è, ci dice Paolo.
E solo se la intendiamo come avvenimento universale, come inaugurazione di una nuova dimensione dell’esistenza umana, siamo sulla strada di una giusta interpretazione della testimonianza sulla risurrezione presente nel Nuovo Testamento.
Da qui si capisce la peculiarità di tale testimonianza neotestamentaria. Gesù non è tornato in una normale vita umana di questo mondo, come era successo a Lazzaro e agli altri morti risuscitati da Gesù, Egli è uscito verso una vita diversa, nuova – verso la vastità di Dio e, partendo da lì, Egli si manifesta a noi…”.

Ciò che manca è il senso del Plurale perché si insiste sempre su una questione collettiva. È come se la storia non avesse inciso nel perimetro o nella circolarità delle esistenze.
Ciò che manca a questa società-civiltà è un orizzonte di Plurale. Attenzione. L’eccesso di un uso sfacciato di falsa democrazia porta allo schiaffo autoritario. Questo non è possibile anche se è pensabile. Il soggetto disabile è quella persona che paga le conseguenze di una democrazia malata.

È una percezione endemico che può dare spazio alla rottura tra storia, spazio, tempo e scienza. Anche la la scienza è imperdonabile quando nei suoi empirismo non introduce l’orizzonte del Plurale.

Pierfranco Bruni

Commenta con Facebook

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …