venerdì 27 Gennaio, 2023 - 21:16:27

Vinitaly, Lazzàro (Confagricoltura Puglia): il vino pugliese vale in tutto 395 mln, l’estero 209 mln di euro

Vinitaly, Lazzàro (Confagricoltura Puglia): il vino pugliese vale in tutto 395 mln, l’estero 209 mln di euro

La Puglia è una terra di grandi vini e di grandi produttori. A dirlo a tutto il mondo durante il Vinitaly 2022 non sono solo le 110 presenze nello stand della regione Puglia ma anche i fatturati che sostengono imprese e posti di lavoro. Il vino prodotto nella regione vale in tutto 395 milioni di euro. Nel 2021 le aziende pugliesi – secondo dati elaborati dal centro studi di Confragricoltura – hanno esportato vino in tutto il mondo per 208.740.037 euro. Il mercato russo sul quale oggi pesa l’embargo nel 2021 ha costituito circa 1,8%, 371mila euro. Quello Bielorusso 272mila euro. Quello Ucraino prima della guerra valeva 242 mila euro.

Secondo uno studio diffuso durante il Vinitaly, i consumatori sembrano prediligere sullo scaffale sempre più le bottiglie da 0,75 a denominazione d’origine. Il loro prezzo medio continua a crescere: 5,55 euro per la bottiglia da 0,75 nel 2021 (con un aumento del 4,1% sul 2020).

“È un vero spettacolo visivo e sensoriale la vastità delle produzioni pugliesi presenti in questa edizione 2022 del Vinitaly – evidenzia Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia – La nostra regione produce risultati eccellenti sul vino, siamo competitivi e possiamo offrire ai consumatori prodotti di alta qualità e per tutte le tasche”.

La Puglia dunque con 9.000.087 ettolitri (11% del valore nazionale) è la seconda regione in Italia per produzione dopo il Veneto (11.717.223 ettolitri). L’Italia è il maggior produttore di vino nel mondo: quasi un quinto del vino prodotto a livello globale viene dal nostro Paese, per l’esattezza il 18,5 per cento.

“Quello che ci preoccupano oggi – aggiunge – non sono la produzione e la ricerca di nuovi mercati ma la cattiva informazione e l’aumento dei costi di produzione. L’approccio al vino deve sostenersi su messaggi non terroristici ma basati su educazione, consapevolezza e moderazione. In merito ai costi di produzione: gli aumenti dell’energia, degli imballaggi e delle materie prime frenano l’economia e minacciando la competitività dei settori produttivi. Gli incrementi vanno dal 15% sul costo delle bottiglie in vetro sino al 30% di rincari nel packaging”.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Incontri nelle scuole di Oria a parlare di legalità

Incontri nelle scuole di Oria a parlare di legalità

Incontri nelle scuole di Oria a parlare di legalità, incontri con i giovani e l’attesa …