lunedì 20 agosto, 2018 - 21:14:42
Home > Rubriche > Pensieri & Parole > Vivere! Vasco il Komandante

Vivere! Vasco il Komandante

Opera “Vivere! Vasco”dell’artista Massimo Schirinzi per La Voce di Maruggio
Buongiorno Vasco! È mattina presto ma oggi l’alba è chiara. Ci siamo appena lasciati. Discorrendo tra amici, abbiamo esultato ieri sera in piazzetta a Campomarino,  non appena l’argomento è stato Vasco. Eravamo in tanti , seduti, stretti su un divanetto, sotto una luce pallida della luna.

L’icona, la cui immagine irradia e conduce, aprendo una breccia emozionale e mentale, annuncia la sua presenza, ed è quasi tangibile. Questa forza, irrompe, con delicata, oso dire, prepotenza. Difficile da comprendere, perché nascosta alla mia consapevolezza., ha esercitato, in quel momento, un notevole influsso anche sui nostri corpi, pensieri ed emozioni: ci siamo innescati in un forte abbraccio. Si è aperto un fantastico sipario, immaginandoti in questa rotonda sul mare dai sette colori.

Di sicuro il tuo palco la occuperebbe tutta e, per mancanza di spazio, noi tutti in mare, come tante “bollicine” di coca cola e, senza la necessaria innaffiatura che ci arriva d’alto che, come l’acquasanta, ci giunge a benedizione per essere riusciti a raggiungerti, concertati e contenti. Un concerto in acqua, fantastico! Chissà. Sorridiamo, sorrido, si anima anche la mia penna che già agita le sue ali per il suo sonoro cinguettio in volo. Balbettando, dice quello che sente e, cerca di piacere con tutto quello che ha, come oltre non sa fare.

“Vuole vivere, ha ricordi senza tempo che non vuole dimenticare, vuole essere contenta, domani starà meglio”. Vuole solo, nello spazio bianco, tra l’una e l’altra tua canzone, che non è un punto, una virgola, ma tanti nostri puntini… che ci tengono in trepida sospensione, inviarti il bacio che coinvolge a tempo, tutti i tempi… Che stupidi che siamo! È come dici te: “almeno ci divertiamo”. Noi staremo sempre meglio… perché tu, con tutto lo spessore che ti contraddistingue, ci vuoi bene. Tanti, in della ognuno competenza, abilità e ardire, hanno raccontato di te, del tuo stile. In quel momento chissà perché ho pensato a “Il Mosè di Michelangelo” ai “fenomeni musicali che Freud fece pubblicare sulla sua rivista lavori su opere specifiche“, ad esempio “L’olandese volante di Wagner”.

E ancora, dove già l’errore, lo accoglie la lirica: ed è poesia di quel canto. “…Pir meu cori alligrari,…-chi multu longiamenti –s enza alligranza e joi d’amuri è statu, – mi ritornu in cantari, …dunca ben di cantar onni amaduri…” (Stefano Protonotaro nacque a Messina, quando questa era ancora parte del regno di Sicilia).

Anche qui, penso, possono “arrivare gli angeli”. Infatti, Maruggio, da: “Paese nostro povero ma bello” conta èpoco più di cinquemila anime. Io ne conto molte di più anche se non “Non siamo mica gli americani”. Poi già notte nelle mie preghiere al Divino, è stato inevitabile recitarne una per te che ci accompagni nel nostro cammino. Infatti, là in fondo, nell’angolo più oscuro della nostra strada… di tante ”Sally” c’è sempre sul muro dell’anima una spennellata di vernice colorata con un tuo tono, scritto apposta per noi. Neanche una culla colorata per “Margherita” è mai mancata, per amarci, quando è sera, un po’. Ora sono sotto la doccia e sei in casa con me mentre ascolto una tua canzone alla radio.  Mi piacerebbe rimanere ed ascoltarti 24 ore su 24 ma, devo andare, come tanti pendolari e, in tutta fretta, devo prendere la “corsa” litoranea che da Capo di Leuca conduce a Taranto.  Già la mia mia corsa, la mia fermata delle 6,18. Passami tu dai, questa volta, l’asciugamano. Facciamo prima! È sempre lì, al solito posto: sul divano.

Non si è mai sporcato, sebbene imbevuto da tanto sudore, e ti dirò a questa salsedine non si può rinunciare, ha anche il tuo odore: profumo del mare asciugato dal vento. Sapessi, quanto è bello il nostro vento! Quando è in poppa poi, la musica si alza emettendo nuovi suoni… E domani, sarà lo stesso. Qui lo scirocco ci ha adeguati  meravigliosamente alla natura selvaggia.

Sul bus siamo in tanti. Vedo dal finestrino, ad ogni fermata, gli sguardi impregnati di significati, dei nuovi passeggeri. Della vita che va o non va. Certo tutto ciò che vedo, è il punto, dove si ferma il mio sguardo, forse… non  è la verità.

C’è chi in maniera spericolata, sale e scende. Sono in tanti ad avere o hanno conservato la faccia pulita. Tuttalpiù qualcuna con un filo di rossetto dal colore passionale rosso.  Delle volte, penso che non ci sia ragione, per una ragionevole soluzione, se non quella d’ingegnarci materiali più resistenti di tubature per condotti vascolari. Ops! Una parola che si è scritta da sola, la lascio così com’è anche perché… tu ci scorri nelle vene. “ed è tutto un equilibrio sopra la follia”. Il proprio “senso” che fa ruotare tutte le cose e apre nuove passioni. Chi con i libri, altri senza, ma che non hanno mai smesso di andare a scuola! C’è sempre tanto da imparare! Parecchi ripassano, tanto sicuri, a voce alta, troppo alta e, quando dicono di aver capito tutta la lezione, io ci credo… anche se è un’altra bugia. Delle volte, mi sento la regina degli ignoranti. “non te ne devi vergognare”, mi sussurra una vocina, in verità mi vergogno un po’ e mi sento una nota stonata, anche questo con un po’ di presunzione…ma questa è un’altra melodia, se così si può definire, giusto per sviolinarla un po’ senza uscire” fuori tema”, anche se la traccia piace a molti: ci fa essere “liberi”.

Sappiamo dei tuoi vasti e colti interessi per la lettura dei classici di: Tolstoj e Dostoevskij, giusto per citarne alcuni.

Un passeggero ben informato ci ha portato a questa conoscenza e, poi noi abbiamo approfondito…

Il pullman, già il pullman, diventa centro culturale mobile che ingrana a ruote libere. Ed ecco le nostre menti che sfogliano il diario di bordo del “Komandante “proponendo le sue canzoni, la corale esulta. La nostra psiche si organizza tramite la tua immagine. Si orienta verso di te e diventa la piacevole argomentativa di tutti dal valore magico-simbolico. Noi siamo qua, ancora qua! Eh già! Ci raggiungi con questa tua forza comunicativa dalle influenze culturali e di linguaggio. Diventi uno di noi e ti siedi affianco e discorri con noi con una sorta di familiarità.

Ci canti a tutta voce ma non  ci annoiamo, anzi, inizia il “walzer di gomma” che non elimina i nostri problemi. Ma ci permette, sia pure per un attimo, di ballarci sopra e godere di nuove energie, con una pulsazione interiore che eccita. Le nostre nervature sensibili, attraverso la rete linfatica si duplicano e si emozionano. La tua musica si riflette concretamente e ispira a dare vita a un colore a un sapore a ogni arte. A vestire un corpo nudo con un abito sempre nuovo, imbastito di tue parole e come nel “Canzoniere” di Petrarca, inizia la poesia per “voi ch’ascoltate in rime sparse il suono”.

I buoni e i cattivi” cantano la stessa canzone e provano a esternare forse la stessa emozione e come un assolo delle corde di una chitarra che tocca i sensi del cervello, forse per un attimo, gli stati d’animo si ascoltano e l’anima si esprime e, può accadere miralo. Ogni cosa viva che ascolta la tua canzone, vive nel ricordo “stupendo” perché contiene la propria parola segreta. “la memoria è lo scriba dell’anima” (cit. Aristotele). Ode a Vasco. Alla sua capacità di affascinare e muovere i nostri cuori. All’eredità di quasi mezzo secolo di suo potere seduttivo. Di quelle tue vie, capaci di produrre effetti che ci commuovono e senza sapere perché e da cosa, ci abbandoniamo a qualcosa di così misterioso e piacevole. È vero “il tempo crea eroi” E cosa vuoi che sia se c’è sempre qualcuno che dice no.

La prendo con ironia perché noi siamo tanti: qui per restare. Sono a capolinea anche io devo scendere ma dovrò risalire a fine giornata quando “continuo nella sera” che pur non volendo niente da te, scenderà. Guarderò “le dannate nuvole” ma lo dirò alla nuvola bianca senza meta, che per l’occasione si è fermata un attimo per agghindarsi, in una conchiglia d’argento del nostro azzurro mare, che mi sussurra, “dillo pure alla luna” dillo in faccia che vuoi “smettere di parlare guardando il muro”. Che tante di voi vogliono continuare a giocare cantando: giro, giro tondo, quanto è bello …, Vasco, il tuo amor cortese per tante lei… arriva diritto al cuore, a tanti cuori! Non smetterò mai di sognare il “mondo che vorrei” e senza nessun alibi, percorrendo il litorale dell’aorta, seminata dai nostri padri… anche “un’anima fragile, “l’uomo più semplice che c’è” mi fa continuare a vivere “come nelle favole” …” E ho guardato dentro un’emozione – e ci ho visto dentro tanto amore – che ho capito perché non si comanda al cuore…”e, m’illumino di tutto l’azzurro che c’è, con un po’ di whisky, immersa in una conca d’acqua del mio mare.

Ma Raja

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Si parte da Cecco lungo Dante e si arriva a Franco Battiato

La musica ha il suo silenzio nelle parole. Le parole sono già musica quando vivono …

La Voce di Maruggio è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache