martedì 19 Gennaio, 2021 - 7:26:51

56° edizione del Festival Nazionale “Ragazzi in Gamba”, l’esperienza dei ragazzi dell’ Istituto Comprensivo Galileo Galilei di Taranto

L’Istituto Comprensivo Galileo Galilei di Taranto ha partecipato a Chiusi in Toscana, il 19 e il 20 maggio scorsi, alla 56° edizione del Festival Nazionale “Ragazzi in Gamba”, la rassegna di teatro, musica, canto, danza, folklore, poesia, pittura, scultura, cinema e arte rivolta alle scuole di ogni ordine e grado del territorio nazionale.

I ragazzi dell’orchestra del nostro istituto, accompagnati dalla dirigente, professoressa Maria Paola
Scorza, e dai docenti di musica della scuola secondaria di primo grado Francesca Papapicco e Stefano
Raguso, hanno aperto sabato pomeriggio alle ore 16.00 la rassegna che si è tenuta al teatro Mascagni nel centro storico di Chiusi.

«È stata un’emozione indescrivibile – il commento della dirigente – assistere
all’esibizione dei giovani musicisti della mia scuola. La partecipazione alla rassegna nazionale di Chiusi
ci era stata comunicata lo scorso 12 marzo quando i ragazzi con la loro performance, nel corso della
tappa a Carosino, avevano dimostrato di essere davvero “in gamba”!».

L’orchestra dei giovani alunni si è esibita portando sul palcoscenico “Temi da colonne sonore”, un
brillante concerto strumentale per fiati e tastiere unico per l’esperienza umana e didattica maturate, e
che dimostra l’efficacia educativa dell’arte anche negli ambienti più disagiati e difficili.

«È un grande orgoglio per me – ha aggiunto la professoressa Scorza – poter dire di avere un laboratorio
musicale che rappresenta un’eccellenza nella nostra scuola. Si tratta di uno spazio integrale di
esperienza dove corpo, mente, sentimenti ed emozioni hanno la possibilità di mettersi in gioco e di
integrarsi; alunne e alunni sono così in grado di fare un viaggio-itinerario alla scoperta della propria
identità musicale attraverso una progressiva scoperta della musicalità, delle attitudini e di un eventuale
talento; in questo modo gli allievi acquistano gradualmente più specifiche competenze e conoscenze
utili, infine, ad orientare consapevolmente il proprio percorso formativo. Per fare questo è
indispensabile fare rete e dare continuità tra i vari ordini di scuola, elaborando e verificando il curricolo
verticale musicale. Il laboratorio offre agli studenti la possibilità di suonare insieme, divertendosi e
condividendo un’esperienza altamente formativa».

Al termine delle due giornate della rassegna all’Istituto Galilei è stato conferito il premio specialeE’
wiva Silvia” di 500 euro destinato all’ampliamento dell’offerta formativa su tematiche sociali, sportive e
ambientali. Il premio è stato istituito da qualche anno dalla famiglia Betti in memoria della loro giovane
figlia Silvia, morta a 28 anni in un tragico incidente stradale. Nei prossimi mesi la famiglia avrà piacere
ad incontrare nel capoluogo ionico i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Galileo Galilei”.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Il bene culturale come identità di civiltà nel recentissimo lavoro di Micol e Pierfranco Bruni dedicato a San Lorenzo del Vallo

La storia si racconta con le testimonianze. Si racconta con i beni culturali. Si racconta …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.