domenica 14 Luglio, 2024 - 20:35:30

Il Punto

Perché si continua a discutere di Mediterraneo senza conoscere abitando i Mediterranei?

Non si può osservare il Mediterraneo come cartolina o soltanto con visite diplomatiche e istituzionali. Bisogna abitarli. Attraversarli, vivendoli, ascoltandoli. C’è una geografia delle forme, della carta geografica stessa, e delle civiltà. Come una Europa delle potenze e delle culture popolari. Cosa è il Mediterraneo nella storia delle civiltà? Cosa …

Continua »

L’autonomia differenziata e i beni culturali. Una questione da affrontare con serietà

La tanto discussa autonomia differenziata interessa anche il versante inerente il patrimonio culturale. E’ un dato di fatto che diventa considerevole sul piano amministrativo considerato il fatto che i beni culturali sono economie non esportabili tra una Regione e un’altra. Credo che la questione riferita alla differenziazione regionale cominci ad …

Continua »

Lo scemenziario della lingua adottata. Da società liquida a resilienza e il conformismo del vocabolario italiano diventa politicamente corretto

In questi ultimi anni abbiamo usato un vocabolario linguistico a forma di slogan. Slogan che hanno toccato tutte le istituzioni comprese le belle università e il cliché degli istituti scolastici. Sembrano provenire dalla filosofia, dalla pedagogia avanzata e dalla psicologia sempre d’avanguardia ormai su tutti i settori e gli ambienti. …

Continua »

Esame di maturità 2022. Tracce di una prevedibile mediocrità adattate al conformismo culturale e scolastico dilagante

Esami di maturità 2022. Solito conformismo. Solita mediocrità. Il resto è noia da Leopardi a Califano. Allora. Tipica poesia nella tradizione di Giovanni Pascoli delle “Myrycae” è “L’ultima passeggiata” da “La via ferrata” il cui contesto lirico è scarsamente poetico ma fortemente ancorato non alle innovazioni pascoliane che si aprono …

Continua »

A Taranto il crollo prevedibile della confusione di destra e la vittoria del PD sono elementi di discussione politicamente seria

Taranto, in queste ultime elezioni amministrative, ha fatto registrare la netta vittoria del PD e la schiacciante sconfitta della destra, di quel Centrodestra confusionario, ampio e labirintico, disarticolato e senza una “struttura”  di pensiero politico. Ma c’è nel Centrodestra, come si è verificato anche nelle Regionale del 2020, una mancanza …

Continua »