martedì 11 Maggio, 2021 - 22:06:21

Campomarino di Maruggio: XXII edizione de “Il Mare d’Inverno”

12644719_1218336051515021_4176451796484860418_n

Si è svolta, il 31 gennaio, anche in Puglia la “pesca… ai rifiuti”, prima parte, nell’ambito della manifestazione nazionale “Il Mare d’Inverno”, con il Patrocinio della Commissione Europea – Rappresentanza per l’Italia e del Comuni di Bari e di Maruggio. L’iniziativa si concluderà il 7 febbraio, con le spiagge di Brindisi – ex Lido Poste e Marina di Chieuti (Fg).
Sulle spiagge di Campomarino di Maruggio (Ta), Casalabate (Le) e Santa Maria al Bagno (Br), Carovigno – , Ostuni – Lido Camerini (Br), Bari – Lungomare IX maggio 500 volontari di FARE VERDE Puglia Nuclei di Oria, Francavilla Fontana, Novoli, Nardò, Carovigno, Ostuni, Bari e Bitonto armati di guanti, rastrelli e sciarpa, hanno raccolto e censito i rifiuti presenti sul litorale abbandonato e lontano dall’attenzione di mass media, Amministrazioni locali e, forse, di qualche ambientalista. Le inchieste sul mare e le spiagge più pulite, i soldi per le pulizie, le mobilitazioni arriveranno solo con la stagione balneare.

“Quella di Fare Verde non è voluta essere una pulizia per preparare il litorale all’arrivo dei bagnanti, ma per ricordare che il mare e le spiagge non esistono solo con l’arrivo della stagione balneare e subiscono l’inquinamento dell’uomo per 12 mesi l’anno. Inoltre quest’anno, si è voluto dire un FORTE NO alle scellerate decisioni del Governo Renzi in materia ambientale quali la miope autorizzazione alle Trivelle petrolifere, che potenzialmente mette a rischio la vera ricchezza della Puglia, il TURISMO, e la possibile costruzione di 9 nuovi inceneritori di rifiuti che, in un ciclo virtuoso dei rifiuti, sarebbero inutili! Ammeno di non ammettere il totale fallimento nella riduzione dei rifiuti e nella loro corretta raccolta differenziata” afferma il Presidente di FARE VERDE Puglia, Francesco GRECO. Motivi per i quali non è stato richiesto il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente, ritenendo l’operato dell’on. Galletti peggiore di quello di Attila!

Al termine della “caccia”, svoltasi in presenza di condizioni meteo quasi estive, i volontari hanno stilato una “classifica” dei rifiuti più frequenti, rinvenuti e raccolti:
Campomarino di Maruggio (Ta): 20 sacchi e trovati: molte bottiglie, tappi e bicchieri di plastica, tantissimi pezzetti di plastica (sintomo della disgregazione in acqua di vecchi contenitori, vero e gravissimo pericolo per i pesci che li equiparano al plancton!), vari pezzi di polistirolo, alcune scarpe, diverse retine di plastica per pesca, centinaia di cotton fioch in plastica (sebbene da 15 anni siano in materiale biodegradabile!). Patrocinio del Comune di Maruggio.
Complessivamente spiagge più pulite rispetto allo scorso anno, forse per le forti mareggiate degli scorsi giorni, tranne a Punta Prosciutto oggetto di correnti che hanno depositato molti rifiuti.
Quanto rinvenuto, e molto ancora resta sulla battigia, induce FARE VERDE a richiedere interventi legislativi che vietino l’usa e getta, favorendo il “vuoto a rendere” per gli imballaggi degli alimenti e detersivi, unica strada percorribile per tutelare seriamente l’ambiente!

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Estratti dal web. Più rispetto per i negri - Marcello Veneziani

Estratti dal web. Più rispetto per i negri – Marcello Veneziani

Ieri mi ha fermato un africano per vendermi qualcosa e mi ha detto “Fratello bianco”. …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.