martedì 17 Settembre, 2019 - 2:21:27
Home > Primo Piano > “Corpo, Arte e Disabilità”: evento finale del Progetto ASL-Unisalento per andare oltre le barriere

“Corpo, Arte e Disabilità”: evento finale del Progetto ASL-Unisalento per andare oltre le barriere

Oggi 12 giugno terminerà “Corpo, Arte e Disabilità”, Progetto ASL-Unisalento per andare oltre le barriere grazie all’arte. Si tratta di un percorso partito lo scorso 4 marzo con il primo di cinque appuntamenti che, sino a giugno, hanno permesso agli studenti universitari di misurarsi con il proprio corpo e la disabilità attraverso i diversi linguaggi dell’arte. La tappa finale si svolgerà negli spazi universitari dell’edificio 6 Studium 2000 in via di Valesio a Lecce, alle ore 18, con la partecipazione delle rappresentanze istituzionali di ASL Lecce e Università del Salento.

L’iniziativa è stata curata dal Gruppo di Lavoro di “Abbattitabù” e fa parte di un progetto nato all’interno di un Protocollo d’Intesa siglato tra l’Università del Salento e l’ASL Lecce, con l’obiettivo fondamentale di rispondere alla responsabilità sociale dell’informazione e della prevenzione, mettendo al centro dell’attenzione le persone con disabilità nelle varie dimensioni dello studio, del lavoro, del tempo libero, dell’affettività e della sessualità.

Il gruppo di lavoro è composto dagli esperti del Servizio di Consulenza Sessuologica alle Persone Disabili del Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione dell’ASL Lecce, diretto dal dott. Antonio Antonaci; vi partecipano lo psicoterapeuta Ferruccio Pascali, la sociologa Patrizia Primiceri e il consulente sessuologo Massimo Vergari. Per l’Ufficio Integrazione Disabili dell’Università del Salento sono stati coinvolti la responsabile Paola Martino, gli studenti e giovani laureati peer educator (educatori alla pari) della stessa Università e i volontari del Servizio Civile.

La relazione con sé e gli altri, giovani studenti ed esperti-artisti, è stato lo spazio in cui si è sviluppata una profonda riflessione che è stata capace di abbattere tabù vecchi e nuovi, a partire da quelli legati alla sessualità; è questo l’obiettivo che attraversa per intero il percorso di “Abbattitabù”. E’ stata sperimentata una sorta di arte-terapia di gruppo, “immergendosi” nelle diverse espressioni artistiche legate alla grafica, al canto, alla fotografia, alla scultura e alla poesia.

Il progetto ha aiutato gli studenti con disabilità e senza disabilità a riflettere su se stessi, sul loro corpo e sui messaggi che esso rimanda, sulle difficoltà dell’affettività in un corpo diverso, sui sentimenti e le parole per esprimerli.

Mauro Marino (operatore culturale), Valentina D’Andrea (illustratrice e scenografa), Bruno Maggio (ceramista e scultore) e Tyna Maria Casalini (compositrice Christian/Gospel e musicarterapeuta) sono i professionisti che hanno offerto gratuitamente le loro eccellenti competenze, animando i laboratori del progetto.

Negli incontri con gli esperti, i partecipanti hanno lavorato sulle tematiche su cui ruota l’intero progetto e hanno prodotto interessanti ”risultati” che saranno condivisi nell’evento finale del 12 giugno. Un appuntamento importante, anche per ricordare – nel quarto anniversario della scomparsa – il prof. Gino Santoro, che per molti anni è stato uno straordinario delegato alla Disabilità per l’Università del Salento.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Taranto, falso allarme bomba presso la raffineria Eni. Denunciato in stato di libertà un operaio di 41 anni

Oggi, 11 settembre 2019, alle ore 17.00 circa, al termine di immediate indagini, personale del …