mercoledì 16 Ottobre, 2019 - 4:25:36
Home > La Voce > Provincia e Regione > Giorno del Ricordo: martedì 10 il Consiglio ricorderà vittime e profughi

Giorno del Ricordo: martedì 10 il Consiglio ricorderà vittime e profughi

GIORNO_DEL_RICORDO_10_FEBBRAIO_2015-1024x723

Il Consiglio regionale della Puglia celebrerà il Giorno del Ricordo, martedì 10 febbraio, con la testimonianza diretta di un protagonista dell’esodo giuliano-dalmata. In mattinata, alle 11, nella Biblioteca consiliare Teca del Mediterraneo (a Bari, via Giulio Petroni 19/a, Sala Matutinum), verrà presentato il volume di Dionisio Simone “Le parole nostre. Viaggio nella memoria di un profugo istriano”, pubblicato nel 2014 dalle Edizioni baresi Dal Sud.
Con il presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna e l’autore, interverrà il direttore dell’Ipsaic Vito Antonio Leuzzi, alla presenza degli studenti del Liceo Pedagogico Tommaso Fiore di Terlizzi.
Nel 1947, Dionisio Simone ha dovuto lasciare Pola, con gli oltre 250mila triestini e italiani di Dalmazia, dopo la tragedia delle Foibe e per la politica di Tito di slavizzazione dei territori al confine della federazione jugoslava. Da profugo, ha raggiunto la Puglia con la famiglia, risiedendo prima a Polignano, paese natale del padre, poi a Taranto e a Bari, dove vive. È stato docente di latino e greco nel capoluogo ionico, a Gioia del Colle, Conversano ed ha concluso l’attività nello storico liceo classico barese “Orazio Flacco”.
Il suo è un libro particolare, non un romanzo, non un diario e nemmeno un saggio: é un dizionario dell’esodo, un vocabolario che parte da alcune parole in dialetto polesano, in ordine alfabetico, per sviluppare riflessioni e pensieri. Da Abandonàr, abbandonare. “ Nel pensare alla nostra terra istriana e alla casa che abbiamo abbandonato, mi vengono in mente i versi della prima bucolica di Virgilio, che esprimono la tristezza del pastore Melibeo, costretto dalla guerra, come è capitato anche a noi, ad allontanarsi dai luoghi che amava: Nos patriae finis et dulcia linquimus arva, / nos patriam fugimus. (Noi la terra dei padri lasciamo e i cari campi, noi fuggiamo dalla patria)”.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Il maestro che rivoluzionó il pensiero di dipingere i volti. Raffaello Sanzio a 500 anni dalla morte

La devozione e la purezza degli occhi delle donne. I fanciulli tra le mani delle …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.