lunedì 21 Ottobre, 2019 - 2:50:13
Home > Primo Piano > Non tutti i palloncini finiscono in mare. Letterina con palloncino affidato al vento da San Polo (RE), arriva a Firenze

Non tutti i palloncini finiscono in mare. Letterina con palloncino affidato al vento da San Polo (RE), arriva a Firenze

Da San Polo a Scarperia, la letterina percorre centinaia di chilometri legata ad un palloncino azzurro.

I bambini e le bambine della sezione E della scuola dell’infanzia “Papa Giovanni XXIII” di San Polo hanno scritto una letterina, l’hanno infilata in un palloncino affidato al vento.

Dopo due settimane arriva una telefonata a scuola: “Chiamo da Barberino di Mugello, questa mattina nel nostro giardino di casa abbiamo trovato il vostro palloncino e abbiamo letto la letterina, è davvero bella, ci ha fatto molto piacere grazie! Vi manderemo una cartolina per ringraziarvi.”

Subito è scoppiato in sezione un “Evviva!”, il palloncino aveva portato a termine la sua missione: portare il sorriso a qualcuno.

Nella letterina, infatti, i venticinque bimbi dai 3 ai 6 anni della sezione E, con l’aiuto delle maestre Annamaria Bettati ed Ambra Savastano, hanno scritto: “Abbiamo lanciato questo palloncino con la speranza che arrivi a dei bimbi meno fortunati di noi. Vorremmo che il nostro palloncino portasse loro un po’ di gioia e di allegria”.

Poi dopo qualche giorno è arrivata finalmente anche la cartolina: “Un caro saluto a tutti i bambini dalla nostra famiglia che ha trovato il vostro palloncino azzurro. Abitiamo a Scarperia (FI) e quello che vedete raffigurato è il castello del nostro paese.”

“L’idea era quella di affrontare il tema del viaggio e di portare un sorriso a qualcuno affidando al vento la scelta – spiegano le insegnanti. Quando i bimbi a gennaio hanno lanciato il palloncino con la letterina erano molto emozionati. Era un unico filo ma tutti lo tenevamo stretto per vivere insieme questo momento e poi finalmente lo hanno lasciato andare in cielo salutando e seguendolo con lo sguardo fino a che è scomparso dietro i tetti delle case.

E poi l’attesa, un’attesa carica di fantasia e immaginazione pensando a tutte le direzioni in cui poteva essere andato il palloncino e se ce l’avrebbe fatta. Grande la felicità quando la famiglia che lo ha trovato in giardino ha telefonato alla scuola. Sia le maestre che i bimbi sono molto contenti di questo viaggio incredibile perché ha insegnato una cosa importante: per incontrarsi e comunicare non sono sempre necessari tecnologie particolari basta il desiderio ed essere semplici e leggeri.

Daniela S.
(Nella foto: la cartolina inviata dalla famiglia di Scarperia che ha trovato nel proprio giardino la letterina che i bimbi di San Polo hanno affidato al vento con un palloncino).

Fonte: nextstopreggio.it

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fiera Pessima: alcune osservazioni di Coldiretti, Legambiente e Popularia

Legambiente, Coldiretti e Popularia formulano alcune riflessioni sulla gestione della Fiera Pessima, e le inviano …