venerdì 01 Marzo, 2024 - 21:31:06

Purcidduzzi e il “dolce mistero” della tradizione: Una scadenza curiosa

purcidduzzi maruggio
Sant’Antonio Abate – Purcidduzzi

Con il termine delle festività natalizie, ci troviamo ora al crocevia dell’inizio del nuovo anno, un momento che ci invita a riflettere sulle tradizioni culinarie che rendono questa stagione così speciale. Mentre il brindisi al Capodanno è ancora vivo nei nostri ricordi, è interessante esplorare le scadenze associate alle pratiche culinarie che aggiungono un tocco unico a questo periodo.

In particolare, una tradizione affascinante si svela attraverso la preparazione e il consumo di un dolce particolare: i “purcidduzzi“. Questi deliziosi dolcetti non sono solo un piacere per il palato, ma portano con sé una scadenza curiosa che aggiunge un elemento di mistero e festività al periodo post-natalizio.

Il nome “purcidduzzi” deriva dalla loro forma che assomiglia a piccoli porcellini, un dettaglio che collega questi dolci a una pratica culinaria ancor più affascinante. La tradizione tarantina vuole che gli ultimi “purcidduzzi” siano gustati il 17 gennaio, in concomitanza con la festa di Sant’Antonio Abate. Un giorno in cui la figura di Sant’Antonio Abate viene spesso rappresentata in compagnia di un tenero porcellino.

Questa pratica alimentare, che va oltre la fine delle festività natalizie, aggiunge uno strato di significato alle celebrazioni culinarie. Mentre diciamo addio al Natale, la tradizione di consumare gli ultimi “purcidduzzi” il 17 gennaio diventa un modo gustoso di abbracciare la cultura locale e onorare la figura di Sant’Antonio Abate, patrono degli animali da fattoria.

Il legame tra le tradizioni culinarie e la simbologia religiosa contribuisce a rendere uniche le celebrazioni post-natalizie. I “purcidduzzi”, con la loro forma che ricorda il porcellino, diventano così un simbolo di connessione tra la tavola e le festività, un modo dolce di concludere un periodo di gioia e convivialità.

In conclusione, mentre ci dirigiamo verso il nuovo anno, lasciamo che il ricordo delle festività natalizie sia accompagnato dalla dolcezza dei “purcidduzzi”, un dolce legato a tradizioni secolari e a una scadenza curiosa che aggiunge fascino e significato a ogni boccone.

 

Fernando Filomena

Facebook Comments Box

Notizie su Fernando Filomena

Fernando Filomena
Direttore della testata on-line La Voce di Maruggio web development e giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei giornalisti e pubblicisti dell’ Emilia Romagna. Iscritto all'Associaziaone Stampa Reggiana“G. Bedeschi”. La sua occupazione principale è quella di responsabile di procedure informatiche nel settore giurilavoristico. Ha creato SosPaghe.it, sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro molto apprezzato a livello nazionale dagli addetti ai lavori. Attualmente vive e lavora a Reggio Emilia ma conserva un forte legame con la sua Terra dove torna ogni volta che gli impegni di lavoro glielo consentono, questa testata giornalistica ne è la prova. E’ stato per lunghi anni webmaster della testata on-line La Voce di Manduria fondata insieme a Nazareno Dinoi direttore e giornalista pubblicista dove ancora oggi conserva un grade legame di amicizia.

Leggi anche

Comune Manduria

La Città di Manduria aderisce ad “Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie”.

La Città di Manduria aderisce ad “Avviso Pubblico” un’associazione di Enti locali e Regioni per …