domenica 18 novembre, 2018 - 0:33:44
Home > La Voce > Locali > Quote rosa al Comune di Maruggio, la Consulta femminile con quasi la metà dei consiglieri deposita il ricorso al Tar

Quote rosa al Comune di Maruggio, la Consulta femminile con quasi la metà dei consiglieri deposita il ricorso al Tar

Anna Molendini
Anna Molendini, come promesso, ha presentato ricorso al T.A.R. di Lecce perché i giudici si pronuncino in  merito alla nota vicenda della mancanza di donne nella Giunta del Comune di Maruggio. «Se il sindaco di Maruggio» – aveva detto – «non provvederà a nominare una donna assessore, mi rivolgerò ai giudici, perché è venuto meno il rispetto delle leggi e, soprattutto, delle donne del nostro paese».

Detto, fatto. Il ricorso è stato sottoscritto anche dalla Consigliera Regionale di Parità, dalla Consigliera Regionale Supplente e dai consiglieri comunali appartenenti ai due gruppi di opposizione all’attuale maggioranza di centrodestra: Indipendenti per la Libertà e Maruggio Democratica Città Futura.

Il sindaco, nonostante il ricorso al T.A.R. sia stato proposto da quasi la metà del consiglio comunale di Maruggio [7/16], insiste: «Noi cambiamo lo Statuto. Non avremmo più l’obbligo di nominare delle donne». Il sindaco – infatti – nello stesso giorno in cui gli è stato notificato il ricorso, ha provveduto a notificare ai consiglieri le «proposte di modifica dello statuto comunale da sottoporre all’approvazione del consiglio». «E’ il 9 ottobre 2009 – insiste la promotrice della battaglia di diritti -, la battaglia è appena cominciata e attenderemo con serenità la sentenza dei giudici».

La nota diffusa da Anna Molendini così prosegue:

«Riteniamo, intanto, di poter sostenere che sia stato violato lo Statuto e quello che verrà (se verrà) nascerà in violazione di tutte le leggi. Lo Statuto Comunale è fonte di diritto e legge fondamentale di un territorio. La legge non può essere né violata, né superata dalle modifiche in «corso di lavori» con cui si vogliono cancellare le «pari opportunità tra uomini e donne» nella vita civile e politica di una comunità.

Auspichiamo che la nostra azione possa incoraggiare tutti i cittadini, al di là dei partiti, per creare un movimento di opinione che coinvolga tutte le donne e sostenga ulteriori iniziative capaci di riportare la legge in Maruggio.

Chiediamo attestazioni di solidarietà da inviare alle alte cariche istituzionali dello Stato affinché sia «assicurata la presenza di entrambi i sessi nella composizione della Giunta» (art. 53 dello Statuto Comunale) e  affermato il principio delle «pari opportunità tra donne e uomini» (art. 51 della Costituzione Italiana)».

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Taranto, sicurezza alimentare: Guardia Costiera sequestra 4 quintali di mitili

“Continua incessante l’attività della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Taranto a tutela dei …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.