lunedì 21 Settembre, 2020 - 10:52:09

Troppo viagra, gli amputano il pene

pillole-viagraE’ costato molto caro ad un uomo di 66 anni voler impressionare la sua ragazza dal punto di vista sessuale. Il 66enne originario della Colombia meridionale infatti ha esagerato con l’assunzione di viagra provocando un effetto indesiderato al suo organo sessuale e costringendo quindi  i medici ad amputargli il pene. E’ stato lo stesso uomo, il cui nome non è stato diffuso, a rivelare ad un giornale colombiano di aver intenzionalmente assunto massicce dosi del farmaco per la disfunzione erettile ma di essere stato colpito da un effetto non voluto, un’erezione durata diversi giorni. Come racconta il quotidiano Colombia Reports infatti l’uomo ha aspettato alcuni giorni prima di rivolgersi ad un dottore sperando che l’erezione potesse scomparire una volta esaurito l’effetto del viagra.

Principio di cancrena – L’uomo, che dice di essere un contadino ma anche membro del consiglio comunale della sua città, si è deciso a rivolgersi ai sanitari solo quando il pene ha iniziato a fargli molto male. Visitato dai medici l’uomo ha scoperto di avere il pene fratturato, un’infiammazione e un principio di cancrena e di doversi sottoporre ad un’operazione per amputare l’organo. I dottori infatti hanno spiegato al paziente che la sua unica possibilità per fermare l’infiammazione e il diffondersi della cancrena ad altre parti del suo corpo era l’amputazione.

fonte: fanpage.it

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Porto di Taranto: Nave  general  cargo fermata in stato di detenzione

Fermata in porto in stato di detenzione dai militari della Capitaneria di Porto una nave …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.