domenica 16 Giugno, 2019 - 12:38:35
Home > Attualità > Agenda 2030 e Fondo Europeo sotto i riflettori del Teatro del Liceo De Sanctis Galilei. Gli studenti dibattono sulla nostra casa comune

Agenda 2030 e Fondo Europeo sotto i riflettori del Teatro del Liceo De Sanctis Galilei. Gli studenti dibattono sulla nostra casa comune

Riflettere su quello che il nostro pianeta ci offre e pensare a come non sprecarlo è una cosa che si insegna sin dalla scuola dell’infanzia, quando si cerca di far presente ai bambini che la raccolta differenziata è utile alla terra, al mare, al cielo, agli animali e anche alle persone. Salvare il globo terrestre dal suo, a quanto pare, inevitabile declino è diventato oggi più importante di prima. Basti pensare alle tonnellate di plastica che occupano la maggior parte della superficie marittima, o ai gas nocivi di cui è piena l’aria che respiriamo o ancora all’urgente pericolo del surriscaldamento globale.
Ecco perché gli obiettivi di sviluppo sostenibile da raggiungere entro il 2030 riguardano anche e soprattutto la natura, la lotta contro il cambiamento climatico, la vita sott’acqua e la vita sulla terra. Ed è anche di questo, insieme agli altri obiettivi dell’agenda 2030, che si è discusso durante gli incontri del progetto Pon per lo sviluppo delle competenze di base in chiave innovativa a supporto dell’offerta formativa del Liceo.

Il modulo del percorso “Debate”, sotto la guida del docente esperto, prof.ssa Luana D’Aloja, e del docente-tutor, prof.ssa Erika Bascià, è, stato strutturato in due parti: la prima più teorica, dedicata alla lettura e ascolto collettivo dei discorsi attribuiti ai grandi oratori, dall’antica Grecia ai giorni nostri, all’analisi di testi argomentativi, nonché allo studio approfondito dell’Agenda 2030 con i suoi 17 obiettivi e 169 targets; la seconda invece ha avuto una veste più pratica, incentrata sulla produzione di quattro TED talks, sulla partecipazione al Debate Day, in data 18 maggio, e sulla messa in scena di uno spettacolo il cui titolo “Laudato si'” evoca l’amore ancestrale per la natura attraverso le sue creature.

La riflessione nata durante gli incontri dell’iter progettuale è stata per gli studenti da sprone alla maturazione di un “pensiero sostenibile” condiviso e condivisibile, secondo quanto auspicato dal dirigente scolastico, prof.ssa Maria Maddalena Di Maglie, nella programmazione degli interventi finanziati dai fondi europei: l’umanità, nel corso dei secoli, ha commesso gravi errori, ma è ancora in tempo, proprio attraverso le nuove generazioni, a porre rimedio a quegli errori. Porsi degli obiettivi da raggiungere in così poco tempo sembra quasi un pensiero utopistico, un desiderio dei più sognatori e niente più. Forse è così, forse servirà più tempo, forse il 2030 è troppo vicino. Ma per lo meno si può iniziare a fare qualcosa. Si deve. Per noi, per il nostro futuro, per i nostri figli, per i figli dei nostri figli. Non si può pensare di vivere in una società dove esistono persone di serie A e persone di serie B, non possiamo vivere in un ambiente malsano, inquinato e decadente, non possiamo assistere a forme di discriminazione, non possiamo continuare ad odiarci e a usare le nostre diversità come punti di debolezza. Non possiamo più farlo.

Per questo l’agenda 2030 deve essere un punto di partenza e non un punto di arrivo, per questo dobbiamo impegnarci a vivere in un mondo migliore. E tutti dobbiamo fare qualcosa per migliorarlo, anche nel nostro piccolo. E per farlo dobbiamo migliorare anche noi stessi, perché, citando Mahatma Gandhi, “un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso”.

Annachiara Fusco

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Supersano

Il primo nucleo del Castello di Supersano risale probabilmente all’epoca angioina e fu voluto da …