sabato 31 Ottobre, 2020 - 14:07:23

Barattare la vita in un momento solo. C’è una grande fragilità generazionale

A quindici anni può succedere che la paura vinca sulla spavalderia e sulla voglia di trasgredire; a quindici anni si può decidere di barattare tutta la vita in un momento solo, nel bene e nel male e quell’attimo di terrore per quello che possono pensare e fare di te, si prende tutto quel tempo che hai ancora davanti senza lasciargli scampo.
Nella lucidità di quei pochi secondi, un quindicenne riveste quella paura di tutto il coraggio di cui è capace dall’alto della sua fragile onnipotenza e la nutre con le sue sconfitte, gli sbagli e con tutto quello che ritiene giusto e scontato.

Difficile giudicare come sempre! Da una parte l’inquietudine informe di un’età che vuole prendere il volo ma non riesce a trovare ali e confonde i percorsi , dall’altra l’impotenza dell’amore di un padre e di una madre costretti a cercare fuori dalle loro braccia dalle loro parole rimedio a qualcosa che non riescono più a gestire. Molti i giudizi, le domande, le accuse… tutto lascia il tempo che trova… e possono perfino sembrare irriverenti quelle parole pronunciate con accorato e rassegnato distacco da quel pulpito su cui molti vorrebbero salire ed ergersi a giudici!

Non è facile essere genitori allo stesso modo di come non lo è essere figli! A quindici anni ci si sente “informi” e si ha bisogno di qualcosa o qualcuno che renda visibile ma soprattutto restituisca forma e contorni a quel caos informe e indefinito che sta crescendo dentro. C’è un momento in cui l’amore si mescola al disagio, al silenzio, all’impossibilità di trovare parole e gesti che possano restituire ruoli e certezze. E questo vale per gli uni e per gli altri! Essere genitori, educare, far arrivare le parte buona e meno scomoda di quello che si vuole insegnare, è il mestiere più difficile del mondo… l’unico che non perdona mai, come quei figli che vorremmo abbracciare per sempre!

Anna Marsella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La Polizia di Taranto salva un 15enne vittima di bullismo, voleva suicidarsi

I poliziotti della Sala Operativa di Taranto, hanno ricevuto l’accorata telefonata di una giovanissima ragazza, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.