lunedì 19 Agosto, 2019 - 1:35:09
Home > La Voce > Provincia e Regione > Campi Salentina (Le) – Firme per salvare l’Imid, i pazienti non si arrendono

Campi Salentina (Le) – Firme per salvare l’Imid, i pazienti non si arrendono

imidReintegrare il dottor Mauro Minelli e dare dignità e parità di cura agli invisibili: malati di snas, mcs e avvelenati da metalli pesanti

Reintegrazione del dottor Mauro Minelli nelle sue funzioni. È quello che ha chiesto il coordinamento spontaneo di pazienti e ammalati che si è riunito spontaneamente a Lecce per discutere della situazione di chi è affetto da malattie rare e da patologie legate ai metalli pesanti e che con la sospensione di Minelli non ha più un riferimento certo.

Ricoveri saltati, visite saltate e pazienti lasciati nel panico in un contesto sanitario che non è in grado di dare risposte.

È stata avviata una raccolta firme alla quale seguirà in tempi brevissimi una class action per chiedere pari dignità di cura per chi in Minelli e nell’IMID, chiuso dalla regione puglia nonostante fosse una struttura che registrasse mobilità attiva, ha trovato la risposta ai propri mali.

Quello che dal 2012 ad oggi accade è una guerra all’uomo, una querelle all’interno dell’ordine dei medici di Lecce che  sul campo lascia come vittime soprattutto i pazienti che provengono da diverse regioni d’Italia.

Gli ammalati nella raccolta firme avviata e che in poche ore ha già superato le mille sottoscrizioni, si rivolgono  al ministro della Salute, al sottosegretario di Stato alla Salute, al presidente della regione Puglia e al suo assessore alla Sanità, e alla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e Odontoiatri «di voler intervenire con le necessarie verifiche in ordine alle vicende che stanno, di fatto, ostracizzando Mauro Minelli. Circostanza che porta, come conseguenze inevitabili, danni ai tanti pazienti affetti   da patologie infiammatorie autoimmuni, degenerative e croniche e per i quali il Dr. Minelli riesce ad individuare terapie efficaci, riconosciute a livello nazionale ed internazionale. E di cui siamo portatori “sani e viventi” proprio noi pazienti, non invaghiti di una personalità, ma grati ad una professionalità che trova soluzioni in situazioni cliniche complesse. Vogliano le Autorità in indirizzo intervenire affinchè sia assicurato e tutelato il diritto alla salute». Diritto alla salute attualmente negato a causa di un provvedimento dalle evidenti infondatezza giuridiche.

FIRMA LA PETIZIONE ON-LINE >>>

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Caporalato, CIA Due Mari: “Ecco come innescare un circolo virtuoso”

Articolato documento consegnato dall’organizzazione nell’incontro in Prefettura  “No allo sfruttamento e all’ipocrisia: le aziende siano …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.