venerdì 18 Ottobre, 2019 - 16:17:22
Home > Cronaca > E Raimondo Vianello giustamente difese i giovani di Salò ed i loro ideali di giustizia sociale.

E Raimondo Vianello giustamente difese i giovani di Salò ed i loro ideali di giustizia sociale.

Tratto dal web, riportiamo un vecchio articolo di , molto interessante: LO SHOWMAN SUL SETTIMANALE “LO STATO” E Raimondo Vianello difende i giovani di Salo’ MILANO – “Non rinnego ne’ Salo’, ne’ Sanremo”. Questo il titolo di un’intervista a Raimondo Vianello sul settimanale “Lo Stato” (oggi in edicola) diretto da Marcello Veneziani. Lo show – man parla del Festival di Sanremo, di televisione. Poi la domanda politica: “Che ne pensa del revisionismo storico di Fini sulla Repubblica di Salo’ alla quale lei aderi’?”. Replica Vianello: “I giovani che sono andati a Salo’ erano spinti dall’idea di non abbandonare la battaglia. Anche se destinati a perdere, gia’ la consapevolezza della sconfitta conferisce un forte dolore a quegli ideali. Per cui condannare in toto questo capitolo storico non mi sembra giusto. Si puo’ dire che il fascismo e’ stato un regime dittatoriale anche perche’ imborghesendosi ha tradito le sue origini socialiste, …

… mentre a Salo’ si tento’ di dare nuove norme sociali partendo gia’ dal nome Repubblica sociale. Quei giovani dovrebbero essere piu’ rispettati se non altro per i loro ideali ispiratori. Morti ce ne sono stati da tutte e due le parti, ma chi e’ andato su, sapeva di finire male. Non va abiurato”. Una parte di questa dichiarazione e’ stata, ieri, anticipata dalle agenzie. E Vianello si stupisce. Al Corriere commenta: “Non mi pare di aver dichiarato nulla di sconvolgente. Ho voluto solo dire che molti giovani sono andati a Salo’ in buona fede, solo per tener fede alla parola. Non per vincere la guerra, ma perche’ avevano degli ideali. Per questo vanno rispettati. Cio’ che invece va rinnegata e’ l’esperienza di regime, la dittatura”. “Del resto – conclude Vianello – perfino il Presidente della Camera Violante ha lanciato un messaggio di apertura e distensione verso la questione Salo’. Disse proprio: “Nella lacerazione fascismo – antifascismo deve restare l’identita’ degli uni e degli altri, pero’ gli eredi di entrambi devono avere oggi un atteggiamento reciproco molto rispettoso. Non bisogna usare la memoria vendicativa come arma contro i nemici di ieri o i loro eredi di oggi”.

Volpe Maria

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Necrologio – Gli amici sono vicini al dolore che ha colpito Annalisa Vacca per la perdita della cara mamma

Tutte le parole del mondo non potrebbero colmare il vuoto che hai ora nel petto, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.