martedì 27 Ottobre, 2020 - 15:39:40

Giacomino è stato arrestato!

Il cane che solo pochi giorni fa (il 22 febbraio 2017) dalle pagine web de La Voce di Manduria ci raccontava la bella favola dell’amico dell’uomo che fa visita agli umani defunti prima che partano per il loro ultimo viaggio  è stato arrestato!

In città lo chiamano Giacomino e la sua casa è la piazza centrale di Grottaglie. Un cane buono con tutti che ama stare fra la gente e farsi coccolare, conosciuto in paese per una curiosa particolarità: è un abituale frequentatore di chiese, processioni, funerali ma anche feste…

Lunedì 6 marzo 2017, appena 12 giorni dopo la pubblicazione di quell’articolo, nella centralissima piazza Principe di Piemonte a Grottaglie Giacomino è stato “arrestato” da Polizia municipale e Asl con un blitz di una immediatezza e uno zelo che manco Vallanzasca ai tempi d’oro.

LA DINAMICA DELL’ARRESTO.

Dopo essere stato transennato Giacomino è stato arrestato e tradotto in carcere (canile privato di Maruggio) senza leggergli i suoi diritti né consentirgli l’ausilio dei suoi avvocati (i volontari ANPA che accudiscono sul territorio i “cani liberi accuditi” o “cani di quartiere” regolarmente vaccinati, microchippati e censiti in attuazione della Legge Quadro n. 281/91).

I FATTI

Pare che un cane somigliante a Giacomino ma di stazza inferiore e con collarino scuro – che una testimone oculare ha affermato (con invio fax al comune di Grottaglie) NON ESSERE Giacomino, ma un cane da padrone somigliante portato via prontamente dal proprietario – abbia morsicato una signora che passeggiava. Lo zelo e la velocità con cui gli organi preposti sono intervenuti per catturare quel povero Giacomino che stava lì per i fatti suoi da un lato ci lascia sgomenti da un altro lato ci lascia ben sperare che stesso zelo venga posto in essere quando gli stessi organi verranno allertati per animali feriti, considerando che, ad oggi, ogni segnalazione in tal senso viene presa in considerazione dopo ore snervanti di attesa col rischio che la bestiola ferita muoia tra le mani dei soccorritori.

Nel frattempo – mentre ci dibattiamo tra sgomento e speranze – considerato che esiste una testimone oculare e che Giacomino non ha morsicato nessuno, si spera che il comune di Grottaglie si attivi quanto prima (e non dopo i previsti 10 giorni di monitoraggio in casi di morsicatura accertata) per liberare l’incolpevole Giacomino da una detenzione ingiusta quanto deleteria per la salute e il benessere psicofisico dell’animale. La città lo aspetta a braccia aperte.

Anna Montella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Avetrana, firmato il Patto per la sicurezza urbana

Il Comune partecipa al bando ministeriale per realizzare un impianto di videosorveglianza Prevenzione alle forme …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.