domenica 21 Aprile, 2019 - 10:34:41
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Gli studenti del Liceo De Sanctis – Galilei tra i protagonisti della “IV Giornata mondiale della LINGUA ELLENICA”

Gli studenti del Liceo De Sanctis – Galilei tra i protagonisti della “IV Giornata mondiale della LINGUA ELLENICA”

Si è celebrata sabato 9 febbraio la “IV Giornata Mondiale della Lingua Ellenica”, che ha avuto luogo presso il Centro Convegni del Campus Ecotekne dell’Università del Salento-Lecce.

La manifestazione, organizzata dal comitato promotore tra cui spicca l’impegno dei docenti dell’Ateneo salentino, Proff. Adele Filippo, Alessandra Manieri e Saulo Delle Donne, ha avuto come scopo quello di coinvolgere studiosi, studenti e l’intera comunità culturale in una riflessione sul patrimonio linguistico greco, ponendo al cuore della manifestazione la partecipazione delle giovani generazioni.

Tra l’articolata prolusione del Prof. Mario Capasso e l’apprezzata conclusione del professore emerito di Letteratura Greca, Prof. Pietro Giannini, è stato infatti dato spazio agli interventi dedicati, affidati a gruppi di studenti provenienti dai Licei ad indirizzo classico delle province salentine di Lecce, Brindisi e Taranto, protagonisti di rappresentazioni teatrali e canore, capaci di affascinare gli spettatori e riportarli indietro nel tempo.

Magistrale la performance dei ragazzi del Liceo “De Sanctis – Galilei” di Manduria, che, guidati sapientemente dai docenti dell’istituto, prof.ssa Luana D’Aloja e Giovanna Caforio, hanno portato sul palco il loro personale tributo scenico, approfondendo con parti recitate accompagnate da note musicali le varie sfumature che la parola “estasi” può assumere (dal greco: έκσταση, composto di ἐκ o ἐξ + στάσις, ex-stasis, “essere fuori”).

Tra gli illustri ospiti particolarmente apprezzato il messaggio del Presidente del Consiglio Didattico di Lettere di Lecce, Prof. Mario Capasso, che si è soffermato sull’importanza della conoscenza delle lingue classiche tra i giovani, sostenendo che “si dovrebbero incrementare le ore di latino e di greco nelle istituzioni scolastiche, perché sono tra le lingue più belle e affascinanti del patrimonio linguistico, capaci di promuovere la crescita dell’individuo sotto ogni punto di vista”. Non si deve dimenticare, infatti, che il nostro territorio conserva ancora viva la tradizione ellenica: la lingua latina e greca non sono da considerarsi lingue morte, ma simbolo inconfondibile della continuità tra l’età antica e quella contemporanea, il cui studio e approfondimento rendono i parlanti più consapevoli dell’uso del mezzo linguistico odierno, nonché costituiscono le fondamenta della storia del nostro territorio.

Viola D’Abramo, Alessia Pichierri, Gianni De Pascale, Emanuele Perrucci e Michele Mezzolla

Foto a cura di: Ludovica Filomena

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Maxi operazione della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente

TARANTO – I militari della Guardia Costiera di Taranto, alle dipendenze del Comandante Giorgio CASTRONUOVO, …