giovedì 13 Dic, 2018 - 4:40:32
Home > Attualità > i frutti dimenticati dell’Autunno: il corbezzolo

i frutti dimenticati dell’Autunno: il corbezzolo

Norman.T.Gonsalves
Il corbezzolo, forse il primo dei frutti dimenticati dell’autunno: ne avete mai assaggiato uno? È quasi introvabile, eppure, come tutti i frutti d’autunno di cui sopra, è facilmente ottenibile nell’area del Mediterraneo.

La pianta del corbezzolo un tempo era molto diffusa nel nostro Paese ed è infatti tipica dei cosiddetti giardini all’italiana; oggi si trova soprattutto in Toscana e nelle regioni meridionali. Grazie alle innumerevoli proprietà, gli antichi Romani gli attribuivano poteri magici.

I corbezzoli sono ricchi di vitamine, steroli e pectina. Come la mela cotogna e la feijoa sono ottimi per ottenere marmellate. Le foglie possono essere utilizzate per la preparazione di decotti che si usano soprattutto per uso esterno come tonico per la pelle, o per ottenere infusi molto utili contro le affezioni delle vie urinarie e in caso di diarrea.

Proprietà del corbezzolo
Foglie, frutti, fiori e radici del corbezzolo hanno tutti proprietà officinali. Le foglie in particolare hanno spiccate qualità antisettiche con capaci di aiutare il lavoro epatico e biliare.

Il corbezzolo ha un forte potere disinfettante e anche utile in caso di infiammazioni soprattutto dell’apparato urogenitale (cistiti). Il corbezzolo risulta anche essere utile come diuretico, antispasmodico e antidiarroico.

Un altro prodotto ottenuto dal corbezzolo è il miele di corbezzolo che ha proprietà balsamiche, antisettiche, antispasmodiche e diuretiche.
Oltre alle foglie, ricche di tannini, resine aromatiche, derivati fenolici e oli essenziali, anche i frutti, fiori e le radici contribuiscono a fare del corbezzolo una preziosa pianta officinale.

Modalità d’uso
Le foglie sono la parte più ricca di sostanze attive quali arbutina e altri derivati fenolici, resine, gomme e molti tannini. I frutti invece sono ottimi consumati freschi o trasformati e conservati. Essi contengono molti zuccheri sino al 20% e poi pectine, arbutina, pigmenti di varie tipologie, steroli, flavonoidi e vitamine.

USO INTERNO: il decotto di foglie essiccate di corbezzolo viene consigliato in caso di problemi al fegato e alla cistifellea, ai reni e alle vie urinarie. È inoltre un blando febbrifugo.

Il decotto di radice di corbezzolo è in uso popolare contro l’arteriosclerosi. La presenza sia nelle foglie che nella corteccia di tannini porta a proprietà astringenti che vengono assunte sempre tramite decotto.

La tintura madre di corbezzolo viene indicata come rimedio naturale in caso di infiammazioni prostatiche e uretriti e sembra capace persino di aiutare la riparazione della mucosa uretrale. Il frutto si mangia fresco e ben maturo, quando tra fine ottobre e dicembre diviene bello rosso a maturazione.

USO ESTERNO: Il decotto delle foglie è ottimo anche per rendere tonica la pelle e perfino viene utilizzato per la concia naturale della pelle.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Francia: spari nel centro di Strasburgo nei mercatini di Natale, 2 morti accertati e 11 feriti

Spari in un mercato di Natale a Strasburgo, in Francia. Il bilancio provvisorio sale ad …