giovedì 15 novembre, 2018 - 19:39:58
Home > Primo Piano > Ilva: tensione al siderurgico di Taranto dopo lo stop dell’area a freddo

Ilva: tensione al siderurgico di Taranto dopo lo stop dell’area a freddo

Taranto, – Tensione all’Ilva dopo la decisione assunta ieri sera dall’azienda di bloccare l’attivita’ dell’area a freddo. Stamane, in concomitanza con il primo turno, diverse centinaia di persone hanno fatto pressione sugli ingressi della portinerie A e B e, alla fine, per evitare incidenti, la vigilanza ha deciso di aprire. Per decisione aziendale, sarebbero dovuti entrare soltanto gli addetti alla manutenzione dell’area a freddo quelli dell’area a caldo e non anche i lavoratori addetti a quei reparti che da ieri sera sono stati fermati per decisione dell’Ilva. Ieri sera Fim, Fiom e Uilm hanno respinto il provvedimento aziendale, definendolo una “serrata”, nonche’ una “rappresaglia” nei confronti dei lavoratori, e hanno deciso che questa mattina tutti si sarebbero comunque presentati sul posto di lavoro. Attualmente un migliaio di persone circa e’ nell’area della direzione dell’Ilva, tra interno ed esterno dell’edificio. Le strade adiacenti lo stabilimento non sono per il momento bloccate.
L‘Ilva nel pomeriggio di ieri ha deciso di fermare i settori che producono tubi, coil e lamiere a seguito del sequestro disposto dalla Procura in mattinata, assieme all’ordinanza di custodia cautelare per sei persone fra vertici dell’Ilva ed ex dirigenti. Il gip, Patrizia Todisco, ha sequestrato i prodotti n uscita dallo stabilimento e in procinto di essere spediti ai clienti che li avevano ordinati, in quanto li ritiene “profitto di un’ attivita’ ritenuta illecita penalmente”. Come ha spiegato ieri il procuratore di Taranto, Franco Sebastio, nel corso di una conferenza stampa, l’Ilva, dopo il sequestro del 26 luglio per disastro ambientale dell’area a caldo, non ha piu’ la facolta’ d’uso produttiva degli impianti della stessa area, ovvero cockerie, altiforni, acciaierie. Il fatto che l’Ilva in questi 4 mesi abbia regolarmente continuato a produrre coils, lamiere e tubi, costituisce secondo i giudici il “provento dell’attivita’ penalmente illecita”. Da qui, appunto, il sequestro. Fonte: (AGI)

IL VIDEO

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La scomparsa di un Grande Amico, buon viaggio Giro Melis

Ho appreso poco fa’ della scomparsa improvvisa di una persona a me cara, Girolamo Melis, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.