giovedì 15 novembre, 2018 - 11:41:24
Home > La Voce > Provincia e Regione > Laureato suicida, dopo call center mesi senza lavoro

Laureato suicida, dopo call center mesi senza lavoro

OSTUNI (BRINDISI)  – Una laurea in economia e commercio, l’ultimo lavoro in un call center concluso a dicembre del 2009 e da allora solo tentativi senza successo di trovare occupazione partecipando a concorsi e inviando curricola ad aziende. E’ stata probabilmente la disoccupazione a indurre un uomo di 38 anni di Ostuni a suicidarsi lanciandosi da un treno in corsa mentre faceva rientro a casa dopo qualche giorno trascorso a Milano. Al momento non pare che l’uomo avesse manifestato con alcuno la volontà di farla finita, ma sulla base delle testimonianze raccolte tra parenti e conoscenti la polizia ritiene che sia stata proprio la prolungata mancanza di lavoro a spingerlo alla disperazione. Mentre nel brindisino si consumava questa tragedia, nelle stesse ore in un’altra parte d’Italia una tragedia analoga è stata evitata. A Palermo un precario della scuola, Filippo La Spisa, di 51 anni, padre di quattro figli, ha minacciato di lanciarsi dal quarto piano della sede dell’ufficio scolastico provinciale quando ha realizzato che per quest’anno non sarebbe riuscito ad avere un incarico. La Spisa è senza lavoro dal primo settembre scorso. “Ormai sono disperato – ha spiegato quando è stato convinto a desistere – ho lavorato per 42 mesi come precario nella scuola ma ora sono il numero 899 in graduatoria e non ho alcuna speranza di ricevere l’incarico per quest’anno”. Per il disoccupato di Ostuni non è andata così. L’uomo stava viaggiando sul treno Espresso 925 Bolzano-Lecce. Era stato qualche giorno a Milano, ospite di alcuni parenti, forse per fare altri tentativi di trovare un lavoro. A un paio di chilometri dalla stazione di Ostuni si è improvvisamente lanciato dal finestrino. Un passeggero che era seduto vicino a lui ha tentato di trattenerlo afferrandolo per le gambe ma non ci è riuscito. L’uomo é stato soccorso e ricoverato nell’ospedale di Ostuni, ma le sue condizioni erano gravi ed è morto poco dopo. La linea ferroviaria Bari-Lecce è rimasta bloccata per oltre un’ora prima che la circolazione dei treni riprendesse regolarmente. Lo stop dei treni ha provocato notevoli ritardi a due treni a lunga percorrenza, tra i quali lo stesso Espresso 925, e a due treni regionali, mentre un terzo treno è stato cancellato.

Fonte: Ansa

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La scomparsa di un Grande Amico, buon viaggio Giro Melis

Ho appreso poco fa’ della scomparsa improvvisa di una persona a me cara, Girolamo Melis, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.