giovedì 12 Dicembre, 2019 - 7:18:57
Home > Rubriche > Marcello Veneziani: gli estratti dal Web > Lettera a un uomo che ha violentato la “sua”donna di Marcello Veneziani

Lettera a un uomo che ha violentato la “sua”donna di Marcello Veneziani

Alla fine resta solo il rito di rabbia. Cortei, slogan, striscioni e tatuaggi, paginate televisive e cartacee per raccontare come tante altre volte, la reazione corale e plateale delle donne alle violenze che subiscono ogni giorno. E mentre loro manifestavano, altre donne venivano violate e uccise.

A giudicare dai risultati queste mobilitazioni servono a poco, perché non dissuadono affatto i violenti dalle loro azioni aggressive. Si potrebbe perfino statisticamente dimostrare che l’escalation di violenze subite dalle donne cresce di pari passo con le denunce mediatiche e politiche, le leggi sul femminicidio e le mobilitazioni femministe. E non serve nemmeno l’obbrobrio giuridico di considerare il femminicidio più grave di un assassinio verso qualunque uomo. Semmai le violenze più efferate riguardano i bambini, i vecchi e i disabili.

Non voglio rivolgermi alle donne, alle vittime reali o potenziali di violenze sessiste, manifestando la mia convinta ma vana solidarietà. Non mi interessa capitalizzare e veicolare politicamente la loro rabbia. Vorrei invece rivolgermi direttamente a loro, gli aggressori, e a lui, al Mostro, reale o potenziale, come di solito non si fa.

Vorrei dirgli in primo luogo: tu non fallisci come uomo, se la tua donna vuole lasciarti, se la tua donna vuole avere un mondo suo indipendente, da te, e nemmeno se ti ha tradito. Tu fallisci come uomo se davanti a questa situazione non hai la forza, il coraggio, l’orgoglio di andartene, di ridefinire la tua vita, di guardare altrove e di interrompere un rapporto che vedi viziato, sbagliato, malsano. È lì il tuo vero coraggio. Nella forza di andartene e di cercare altre situazioni, altre persone, o semplicemente di coltivare la tua solitudine o magari di sublimare le tue pulsioni aggressive in attività meritevoli e feconde.

Certo, hai anche un’altra soluzione: accettare la tua donna così com’è o cercare di persuaderla col ragionamento a ripensarci. Ma se non ce la fai, se non ci riesci, se non hai argomenti convincenti o reputi che lei sia refrattaria, cocciuta, inespugnabile, e tu sia irascibile e incontrollabile, la tua dignità prima ancora che la tua utilità, ti impongono di fare una cosa: mollare, chiudere quella porta.

Mi rendo conto che le cose si fanno più complicate per il mondo che avete in comune, in primis se ci sono figli, poi i famigliari, magari la casa, il mutuo da pagare, le amicizie, il lavoro. Ma se il rimedio di lasciare in questa situazione è una sconfitta, un guaio grave, la soluzione violenta se non uxoricida è un fallimento irreparabile, una tragedia trina: sua, tua e di terzi (figli in testa). Qualunque altra soluzione, anche pesantissima, è meglio di quel gesto finale.

La reazione violenta è esattamente il contrario di quel che senti e pensi: non stai riaffermando il tuo potere maschile sulla donna, non stai ribadendo la tua egemonia nella paura che incuti, non stai dimostrando gloriosamente che “qui comando io”; al contrario stai certificando la tua dipendenza da lei, la tua debolezza e più in generale la tua inferiorità nei confronti delle donne. La gelosia, soprattutto quando è patologica, è una schiavitù, una soggezione, non è l’affermazione di un possesso ma la rivelazione di essere posseduti.

Non sai rassegnarti a perderla e reagisci così, come un bambino che si sente abbandonato da sua madre, ma a differenza di un bambino, tu non manifesti il tuo dolore piangendo o incapricciandoti, ma avendo la forza a tua disposizione, aggredisci o elimini chi non vuol essere come tu vuoi. È quello il fallimento della virilità, amico mio, è quella la dimostrazione che non hai autonomia sovrana. Ogni schiaffo, ogni pugno, ogni coltellata che le dai è uno schiaffo, un pugno, una coltellata al tuo onore; è una rivelazione della tua fragilità, della tua incapacità di vivere senza di lei, della tua sottomissione psicologica a lei. Che è la peggiore, anche se poi reclama al contrario, come si fa nelle società islamiche, la sottomissione pratica di lei. Denota la peggiore delle impotenze, che è l’impotentia vivendi. Altro che potere. Un amore che regge sul ricatto, la paura e la minaccia non è amore ed è già fallito. Allontanati, piuttosto, e quando hai un impulso a reagire, chiudi la porta, distaccati, vattene; fatti un giro se serve per sbollire, fatti un viaggio se serve per decantare; o cambia la tua vita in modo definitivo, se l’allontanamento provvisorio non ti serve.

Tu dirai, è facile dirlo, prova a vivere queste situazioni. Ciascuno di noi ha vissuto non dirò le stesse identiche situazioni, ma le premesse, i segni di un rapporto lacerato, o che stava lì lì per esplodere. Ma si è tirato fuori in tempo, ha preso iniziativa, nel senso che ha cercato un’altra donna con cui vivere con maggior empatia; o ha saputo digerire, dimenticare, superare riuscendo a ricucire il rapporto incrinato o spostandolo su altri piani.

Per farlo, però, devi saperti distanziare dai fatti immediati e vedere le persone intere e non solo per un episodio o per il loro presente; il segreto dei rapporti umani è non esaurire una persona in un’azione e in un momento, ma sempre considerarla in tutto il suo contesto, nella sua storia, nell’insieme dei rapporti con te, nel complesso della sua vita. Di solito i gesti estremi nascono quando isoli dalla vita, sua, tua, d’altri, un momento, un particolare, un impulso e a quello reagisci. E lì sono dolori, per tutti.

So che le motivazioni delle violenze alle donne sono anche d’altro tipo. Per esempio l’amante che non vuol essere lasciata e ti ricatta o più drammaticamente e più incolpevolmente ti dice che aspetta un bambino, mentre tu sei sposato e hai figli. Ma anche in quel caso, la morte non è l’estremo rimedio, ma c’è sempre un altro rimedio meno drastico di uccidere il nascituro, lei o ambedue. Insomma, ti direi semplicemente: Fai l’uomo. In quel semplice avvertimento c’è il rispetto verso le altre persone, il coraggio di guardare in faccia la realtà, c’è la tua umanità, i tuoi limiti, il tuo onore e la tua dignità. Fai l’uomo, non torcere un capello alla “tua” donna.

MV, La Verità 26 novembre 2019

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Ritorno a Sud: la gioia del presepe

Il giorno dell’Immacolata, a casa mia, facevamo il presepe. Era un rito domestico di edilizia …