giovedì 15 novembre, 2018 - 20:44:54
Home > La Voce > Locali > Manduria – Un raro cucciolo di delfino Grampo muore a Torre Colimena

Manduria – Un raro cucciolo di delfino Grampo muore a Torre Colimena

il Grampo a Torre Colimena 2All’Alba della giornata di ieri, giovedì 1° agosto, un giovane esemplare di delfinide Grampo è stato avvistato dai bagnanti in prossimità della riva a Torre Colimena, frazione del comune di Manduria (TA), in evidente stato di difficoltà e ormai prossimo a spiaggiarsi.

Dopo aver allertato le Autorità locali e il Corpo delle Capitanerie di Porto, alcuni cittadini esemplari, il dottor Pietro Costantino Carrozzo, veterinario libero professionista, e il personale della Lega Navale di Torre Colimena hanno prestato il primo soccorso al piccolo esemplare di Grampo.

Il Grampo, Grampus Griseus, è un delfinide che può raggiungere ragguardevoli dimensioni, anche quattro metri e 700 chilogrammi di peso, e si caratterizza rispetto ai delfini più comuni, la Stenella Coeruleoalba di dimensioni minori, per l’assenza del rostro.

L’esemplare, di sesso femminile e lungo 1,70 metri, il che fa presumere che avesse circa 5-6 mesi di età, ha poi ricevuto l’assistenza sanitaria prevista dalla profilassi, direttamente in sito, dall’equipe del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Bari, coordinata dal professor Nicola Zizzo, mentre interveniva prontamente anche la ASL come autorità sanitaria competente.

Grampo a Torre Colimena con Carmelo Fanizza JDC
Due volontarie con Carmelo Fanizza

La logistica dell’intervento è stata curata dalla Lega Navale Torre Colimena e dai volontari della Jonian Dolphin Conservation (JDC), l’associazione che da oltre quattro anni monitora e tutela la presenza dei cetacei nel Golfo di Taranto, guidati dal coordinatore scientifico Vincenzo Prunella e dal presidente Carmelo Fanizza.

Per tutta la notte il cucciolo di Grampo è stato vegliato e amorevolmente assistito con l’attuazione della profilassi prevista in questi casi, anche con la somministrazione di flebo, ma purtroppo alle ore 5.30 della odierna mattinata è morto.

Da un primo esame sembrerebbe che l’esemplare fosse affetto fa una infezione virale, anche se le cause del decesso saranno individuate mediante l’autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Bari.

Vincenzo Prunella, coordinatore scientifico della Jonian Dolphin Conservation (www.joniandolphin.it), ha spiegato che “negli ultimi giorni i nostri ricercatori, a bordo del catamarano “Taras” della JDC, in due occasioni avevano avvistato nei pressi di Taranto diversi esemplari di Grampus Griseus, fatto già di per sé eccezionale; mediante l’esame delle fotografie della pinna dorsale del cucciolo deceduto oggi, grazie a un particolare software scientifico di cui dispone il nostro laboratorio, contiamo di verificare se si trattasse di un esemplare già avvistato nei giorni scorsi e la sua eventuale appartenenza a un determinato branco”.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La scomparsa di un Grande Amico, buon viaggio Giro Melis

Ho appreso poco fa’ della scomparsa improvvisa di una persona a me cara, Girolamo Melis, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.