domenica 17 Ottobre, 2021 - 7:35:09

Milano, identificato il cadavere trovato in una cava: è di una 43enne savese che viveva da molti anni a Cernusco sul Naviglio

11800188_1450246108634339_4236791315096676016_n

Ha un nome la donna trovata morta nel lago di una cava a Cernusco sul Naviglio, alle porte di Milano. Gli inquirenti hanno identificato il cadavere lunedì sera: si tratta di una donna del posto, Gabriella Fabbiano, 43enne, di cui nessuno però aveva denunciato la scomparsa. La vittima sarebbe stata uccisa in casa, forse stordita con qualche sostanza e strangolata, poi il suo corpo è stato avvolto in un telo bianco e gettato nel lago.

Sul corpo nessuna ferita evidente – Ciò che al momento è certo, è che in quel posto non ci può essere arrivata da sola. Qualcuno l’ha uccisa, poi ha legato il suo corpo a tre grossi blocchi di cemento armato, certo che sarebbero bastati per non far riaffiorare il cadavere. Così non è stato. Sul corpo non sono state trovate ferite evidenti, ma il fatto che la donna indossasse un pigiama, fa pensare che l’omicidio si sia consumato tra le mura di casa. E ciò ha escluso da subito l’ipotesi iniziale che si trattasse di una prostituta.

Tra le ipotesi anche il movente passionale – Le condizioni del corpo lasciano ipotizzare che sia stato abbandonato lì da circa due giorni, ma sarà l’autopsia, disposta dal pm di turno del tribunale di Milano Francesco Cajani, a chiarire esattamente tempi e modalità dell’omicidio. I carabinieri stanno interrogando amici e parenti della donna: l’ipotesi è che il delitto sia legato alla cerchia relazionale della vittima, forse con un movente passionale. Pare infatti che la donna, con un matrimonio fallito alle spalle e due figli, avesse avuto nell’ultimo periodo relazioni con alcuni uomini.

Forse coinvolte più persone – Nell’occultamento del cadavere di Gabriella Fabbiano potrebbero essere coinvolte più persone. E’ una delle ipotesi di inquirenti e investigatori che indagano sul caso. Sembra difficile, infatti, che una sola persona possa aver trasportato il corpo all’interno del terreno della cava, piena d’acqua, anche perché la proprietà è tutta recintata. La donna, che svolgeva piccoli lavori saltuari, non sarebbe morta nella sua casa (presa in affitto) a Cernusco. Determinante saranno gli esiti dell’autopsia, fissata per oggi.

FONTE: tgcom24.mediaset.it

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

TARANTO – Aggredisce autista della Kyma Trasporti: identificato e denunciato dalla Polizia di Stato

Il personale della Squadra Mobile, nel giro di poche ore, ha identificato e denunciato il …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.