sabato 22 settembre, 2018 - 5:52:18
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Cercasi insegnante da 1 milione di dollari. Nomine al Global Teacher Prize 2019 entro il 23 settembre

Cercasi insegnante da 1 milione di dollari. Nomine al Global Teacher Prize 2019 entro il 23 settembre

Andria Zafirakou, vincitrice dell’ultima edizione del premio, e Daniele Manni, insegnante di informatica a Lecce e finalista nel 2015: “Nominate insegnanti che vi hanno saputo ispirare”

Andria Zafirakou, vincitrice a Marzo del Varkey Foundation Global Teacher Prize 2018, il premio “Nobel” per insegnanti da un milione di dollari, oggi invita i docenti italiani ad iscriversi all’edizione 2019. La docente di arte e tecnica tessile di Londra si rivolge anche a genitori e studenti, affinché nominino l’insegnante che più li ha saputi ispirare. Segnalazioni e domande per il premio, alla quinta edizione e il più importante del settore, sono da presentare entro domenica 23 Settembre sul sito: www.globalteacherprize.org.

«Vorrei incoraggiare gli insegnanti italiani a candidarsi – racconta Andria – a farsi avanti per aiutare a mettere in luce e celebrare il grande lavoro che compiono per preparare i giovani ad un futuro oggi imprevedibile. Inoltre invito tutti, dai politici ai genitori, a sostenere gli insegnanti. Dopotutto, se la prossima generazione dovrà essere in grado di affrontare le colossali sfide che la aspettano, in un mondo reso ancora più incerto dai grandi cambiamenti tecnologici in atto, avrà bisogno della migliore istruzione possibile, e quindi di insegnanti validi. Vincere il Global Teacher Prize 2018 è stata un’esperienza che mi ha cambiato la vita. Ma, aspetto ancora più importante, mi ha aiutato a puntare i riflettori sull’importanza vitale del rispetto verso gli insegnanti, e ha portato alla luce le ammirevoli storie di migliaia di colleghi in tutto il mondo. Mi ha inoltre consentito di aiutare a promuovere iniziative per cambiare la vita degli studenti nel mio paese, sostenendo il potere trasformativo delle arti nelle nostre scuole.»

Dal 2015, cinque gli insegnanti italiani selezionati tra i finalisti del Global Teacher Prize, divenuti ambasciatori della Varkey Foundation:

  • Lorella Carimali, insegnante di matematica presso il Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto di Milano è stata scelta tra i finalisti di quest’anno; la selezione è stata compiuta tra oltre 30.000 nominati e candidati di 173 paesi in tutto il mondo.
  • Armando Persico, che insegna Imprenditorialità presso l’istituto professionale della Fondazione Ikaros di Bergamo, è stato tra i finalisti nel 2017.
  • Barbara Riccardi, insegnante presso l’Istituto Comprensivo Via Frignani di Roma è stata selezionata nel 2016.
  • Daniela Boscolo, un’insegnante di sostegno presso l’ITSE C. Colombo di Porto Viro
  • Daniele Manni, che insegna informatica presso l’Istituto “Galilei – Costa” di Lecce entrambi tra i finalisti nel 2015.

Daniele Manni, italo-canadese e docente di Informatica presso l’Istituto “Galilei – Costa” di Lecce, tra i finalisti per il Global Teacher Prize 2015, ha dichiarato:

«Nelle mie lezioni cerco di incoraggiare il pensiero creativo per liberare gli studenti dal tradizionale stile di apprendimento ‘passivo’, da quell’atteggiamento che spesso si concentra esclusivamente sul programma da svolgere. Dedico il 40-50% delle mie lezioni a coinvolgere i miei studenti in progetti a lungo termine su svariati argomenti, quali l’inclusione sociale, l’eco-sostenibilità e l’auto-imprenditorialità. In passato, abbiamo anche co-fondato un incubatore e acceleratore di start-up nella nostra scuola. Negli anni, i nostri studenti hanno ricevuto riconoscimenti e premi, tra cui anche medaglie del Presidente della Repubblica.

 Essere selezionato tra i finalisti del Global Teacher Prize è stato fantastico e mi ha aperto tante porte che prima erano inimmaginabili. Mi ha consentito di raccontare la mia storia e mettere in luce il lavoro che sto facendo per contribuire a migliorare la didattica formativa. Inoltre, mi ha permesso di conoscere le storie di molti altri colleghi in tutto il mondo e di scoprire le straordinarie iniziative che stanno attuando per educare la prossima generazione. Invito gli insegnanti italiani a presentare la propria candidatura per il premio del prossimo anno, affinché le loro storie possano essere raccontate, conosciute e diffuse.»

Il premio, giunto alla quinta edizione, è il più importante nel settore. Le nomine possono essere presentate su www.globalteacherprize.org, entro domenica 23 settembre 2018. Tra gli iscritti al Global Teacher Prize 2019 ne verranno selezionati 50 entro dicembre 2018 e a febbraio 2019 i 10 finalisti. Tra questi, la Global Teacher Prize Academy, costituita da personalità di rilievo, sceglierà il vincitore. Gli insegnanti selezionati parteciperanno alla cerimonia di premiazione che si svolgerà a Dubai il 24 Marzo 2019 nell’ambito del Global Education and Skills Forum.

La competizione è aperta a tutti gli insegnanti, indipendentemente dal tipo di scuola e dal Paese in cui si trovano, nel rispetto delle leggi locali, che attualmente lavorano con bambini tra i 5 e i 18 anni, o che frequentano la scuola dell’obbligo. Possono partecipare anche insegnanti che lavorano con bambini di almeno 4 anni in programmi per la prima infanzia riconosciuti dal governo, così come quelli che lavorano part-time e che impartiscono corsi online. Gli insegnanti devono dedicare all’insegnamento almeno 10 ore a settimana e devono avere intenzione di continuare ad esercitare la professione per almeno altri 5 anni.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

A Mottola i bambini “vigili” per due giorni

Nel weekend con la “Festa della Sicurezza e della Protezione Civile” i piccoli diventeranno vigili …

La Voce di Maruggio è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache