giovedì 20 Gennaio, 2022 - 14:32:40

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Forte de Laclos a Taranto

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Forte de Laclos a Taranto

Il Forte de Laclos, di cui oggi rimane ben poco, sorgeva sull’Isoletta di San Paolo, una delle Cheradi, situate nel Mar Grande di fronte alla città di Taranto e che tuttora ne controllano l’accesso al porto. Il forte venne costruito alla fine del XVIII secolo dalle armate giacobine francesi discese a sostegno della Repubblica Partenopea. Quando i Transalpini furono costretti a ritirarsi, la fortezza cadde in stato di abbandono, tuttavia nel 1803 l’allora Primo Console Napoleone Bonaparte decise lo stanziamento di una forza di 13 mila unità a presidio del Golfo di Taranto, di conseguenza il forte venne nuovamente occupato e ristrutturato.

Nei piani del futuro Imperatore dei Francesi la struttura rivestiva un’importantissima funzione di natura strategica, quale avamposto per il controllo del Mediterraneo e, principalmente, per ostacolare i traffici commerciale e militari britannici. Il comando della piazza venne affidato al Generale della Riserva di Artiglieria Pierre Choderlos de Laclos, noto autore del romanzo epistolare Les Liaisons Dangereuses, in italiano Le relazioni pericolose, un’opera scandalosa per l’epoca e da cui sono stati tratti diversi film, il più famoso dei quali del 1988 diretto da Stephen Frears con John Malkovich, Glenn Close, Michelle Pfeiffer e Uma Thurman.

Dopo pochi mesi, tuttavia, il Generale si ammalò di dissenteria e morì nel Convento di San Francesco d’Assisi ma, avendo rifiutato i conforti religiosi, venne seppellito all’interno del forte che da lui prese il nome. Le ultime notizie che abbiamo della sepoltura del de Laclos risalgono al 1814, in occasione di un preventivo relativo al restauro della struttura, dopo non abbiamo più traccia e si ritiene non a torto che i Tarantini, in odio verso i Francesi, avrebbero disperso in mare le sue spoglie.

Alla fine del XIX secolo il Forte Laclos venne in massima parte demolito, per far posto alla Batteria Vittorio Emanuele II, successivamente ribattezzata Batteria Umberto I.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Facebook Comments Box

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C'è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C’è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Abitano il tempo e l’esilio della parola. La cognizione dell’esistere oltre il dolore. C’è sempre …